La linea C della metropolitana di Roma arriverà fino alla Cassia


Quello che sembrava solo un sogno nel cassetto da oggi è diventato realtà, seppur ancora solo di carta: la metro C, ovvero la terza linea della metropolitana di Roma attualmente in costruzione nel tratto Pantano-San Giovanni, sarà prolungata ben oltre il capolinea attualmente previsto a piazzale Clodio raggiungendo invece la Farnesina e Grottarossa.

La rivoluzione della mobilità per Roma nord è stata annunciata dal sindaco Veltroni che, prima di partire per l'annunciato viaggio in Cina, nella veste di commissario speciale per il traffico ha deliberato l'allungamento della terza linea della città come anche della B1 (di una sola fermata a piazzale Jonio). Vediamo i particolari. La linea C non si fermerà più a Clodio ma proseguirà per altri 9 chilometri e 7 stazioni in direzione nord toccando le fermate Auditorium, Farnesina, Giuochi Istmici, Parco di Veio, Villa San Pietro, Tomba di Nerone e Grottarossa.

L'idea di arrivare fino alla Farnesina ed oltre era stata pensata tanti anni fa ma per ora era rimasta solo una memoria di giunta inserita però nel piano regolatore insieme alla prevista linea D. Adesso, invece, le cose si faranno sul serio con ulteriori 1230 milioni di euro stanziati dal Cipe nel 2008 ed entro il 2015, data per la quale fino ad oggi era prevista l'apertura dell'ultimo tratto di C, ovvero Venezia-Clodio. Per il resto tutto resta come prima: il tratto Pantano-San Giovanni aprirà nel 2011-12, Venezia-San Giovanni-Pantano nel 2013, e Pantano-Clodio-Frnesina-Grottarossa, ovvero tutta la linea, nel 2015.

Secondo me è quanto annunciato è una cosa eccezionale e non solo perchè vivo a Roma nord, ma proprio perchè vedo come questo quadrante della città sia l'unico sguarnito da linee metropolitane. L'unico dubbio è quello relativo al triplo attraversamento del tevere: da Clodio al Flaminio un passaggio, e poi di nuovo alla Farnesina un altro (senza contare il passaggio fondamentale da Chiesa nuova a Castel Sant'angelo.

Riporto infine qualche commento. Mauro Calamante, assessore alla Mobilità: "Nel giro di due anni a Roma entreranno in azione dalle 12 alle 15 talpe, si tratta di uno sforzo industriale e tecnologico mostruoso". Veltroni: "La data del 2015 per i nuovi tratti è un'indicazione di massima. Per questi, inoltre non sarà necessaria una nuova gara visto che il prolungamento fa parte di una estensione del progetto già avviato dal Contraente generale. Speriamo quindi di abbassare i tempi visto, inoltre, che abbiamo già dato incarico a RomaMetropolitane di mettere a punto il progetto preliminare del prolungamento (costo 4,5 milioni di euro) e che parlando con i diversi referenti del governo, ho avuto da loro risposte incoraggianti".

  • shares
  • Mail
109 commenti Aggiorna
Ordina: