La Tana della Lupa: Ripescaggio


Ci stiamo abituando. Dopo una settimana di esami di coscienza e rimbrotti, la Roma torna a vincere e convincere. Per impegno e tenuta. Ritorna la sterilità sotto porta, che nell'interregno tra Cesena e Inter sembrava essere stata superata.

Ritorna però anche la grinta e la caparbietà in quei giocatori che sono un po' il simbolo di questa nuova Roma. Soprattutto ritorna Daniele De Rossi là dietro, e diamine che differenza con Siena.

Capitan Futuro fa un ordine micidiale ed è in grado di far salire la squadra con tre passi in avanti anche quando siamo sotto pressing nemico. Luis Enrique schiera la migliore formazione tipo (con l'eccezione di Lamela, in castigo per l'evanescenza senese). Infila anche il nuovo acquisto Marquinho, insiste con Osvaldo ancora fuori forma, ma ora sappiamo perché.

Forse per la prima volta la Roma non rischia praticamente nulla in difesa, nonostante qualche pallone perso come sempre di troppo a centrocampo. Merito anche di un Parma aggressivo e violento, ma del tutto inconcludente. Se questo è il bel gioco di Donadoni, complimenti.

L'arbitro ci nega un rigore clamoroso, e dirige da schifo permettendo tonnare vergognose. La Roma non si lamenta e fa bene. Anche qui dobbiamo cambiare. Rispetto allo "stile" di certe società, poi, dimostriamo classe totale.

La classifica continua ad essere assurda, perché un campionato dove perdi tante partite, e resti ancora in corsa per i piani alti, fa solo pena. A parte Milan e Juve, il resto è meno credibile del Torneo di Viareggio (in bocca al lupo ragazzi!). La Roma deve insistere nel trovare una continuità ed una intensità che le permetta di diventare una squadra davvero forte (con gli innesti giusti).

voti

Stekelenburg 6,5 Praticamente disoccupato. Si distende sull'ex Okaka, ci mancava pure! Sempre meno ansioso nella gestione e nella direzione della difesa.

Rosi 6,5 Ancora una bella prova per dinamismo e alteticità. Salta spesso l'uomo. Ma quando deve scegliere tra tirare e passare, fallisce ancora. Un tiro poteva consacrarlo. Fuori.

Heinze 7,5 Dominatore totale della difesa. Ora se ne viene fuori pure a testa alta negli anticipi. Che personalità.

Juan 6 Un po' pesante. Controlla come sa, gli basta.

Taddei 6,5 Meglio di Josè. Nulla da dire. Bravo nel traffico, molto meno al tiro. Si mangia un goal.

De Rossi 8 Migliore in campo. La differenza.

Gago 7 Grande presenza, lavora una sacco. Prende tante botte. Ricambia quando può. Lancia Borini per il goal partita, ci riprova con Rosi ma quello spara fuori.

Pjanic 6,5 Meno brillante del solito, ma addetto alle grandi manovre, l'asse con Gago è vincente. Deve andare più al tiro, anche su punizione. Esce per Marquinho 6,5 fa il suo compitino, e per poco non ci scappa il goal all'esordio.

Borini 8 Quello contro l'Inter. Un invasato, strepitoso. Esce per Bojan s.v. Preoccupa

Totti 6,5 Grande cuore. 700 presenze. Perde tanta lucidità sotto porta, ma regala almeno 2, 3 palle goal da ficcare come si deve. Che spreconi. Nel finale mette in ghiaccio il risultato.

Osvaldo 5 Quello d'inizio campionato, quindi va aspettato. Abbiamo imparato la lezione. Esce per Lamela 6 Si muove che fa godere, ma spreca il goal della sicurezza. Certo con lui dal primo minuto..

Luis Enrique 7
Fa la voce grossa. E fa bene.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: