Lunedì 20 febbraio 2012 a Roma: si riparte con lo stop dei veicoli più inquinanti

SMOG ALERT_GeS

La festa di carnevale non ha ancora finito di deviare il traffico, qualche residuo di neve grigiastra tappezza giusto qualche angolo di strada, per gli scioperi c'è ancora un po' di tempo, ma i livelli di smog non possono più aspettare e per la mobilità da domani si ritorna alla triste routine del divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti all'interno della fascia verde della città.

Così, anche se per tutto il tempo qualcuno si è attenuto scrupolosamente ai comportamenti più adeguati da adottare per contribuire alla diminuzione delle emissioni di inquinanti, le alte concentrazioni degli stessi (Pm10 e NO2) rilevate nell'atmosfera dalle centraline di monitoraggio, hanno spinto il Dipartimento Tutela Ambientale e del Verde di Roma Capitale a ricorrere di nuovo allo stop ai veicoli più inquinanti per lunedì 20 febbraio.

Nel caso vi serva una memorandum, l'Ordinanza sindacale n.22 del 19 febbraio 2012 stabilisce che dalle 7.30 alle 20.30, stanno fermi gli autoveicoli a benzina "euro 0", "euro 1", autoveicoli diesel "euro 0", "euro 1" e "euro 2"; motoveicoli e ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi “euro 0” e "euro 1", le microcar diesel "euro 0" e "euro 1". Per ogni altra news sulla mobilità potete tenere d'occhio la nostra rubrica costantemente aggiornata sulla mobilità nel corso di tutta la settimana.

Questo nonostante l'ordinanza del Sindaco numero 245 dello scorso 28 ottobre stabilisca che dal lunedì al venerdì e sino al 31 marzo 2012, non possono entrare nell'Anello Ferroviario gli autoveicoli a benzina "Euro 1", quelli diesel "Euro 2", i ciclomotori e i motoveicoli "Euro 1", fatta eccezione per i veicoli dei residenti nell'Anello Ferroviario, i veicoli con contrassegno disabili e i mezzi a metano e gpl (l'elenco completo delle deroghe è nell'ordinanza numero 245),

L'ingresso e la circolazione nell'Anello Ferroviario restano invece vietati, in modo permanente, (come già avviene da anni), agli autoveicoli benzina Euro 0, autoveicoli diesel Euro 0 ed Euro 1, ciclomotori e motoveicoli a due, tre, quattro ruote 2 e 4 tempi Euro 0; tricicli e quadricli diesel Euro 1.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail