Open House Roma 2015: il 9 e 10 maggio l'architettura è gratis. Il programma

Due giorni per scoprire edifici e curiosità architettoniche della città

open-house-roma-2015

Torna il 9 e 10 maggio 2015, con la sua quarta edizione, Open House Roma. Si tratta di un evento - totalmente gratis - dedicato all'architettura. Così come nelle edizioni che si svolgono nelle altre grandi città del mondo, anche Open House Roma 2015 vuol dar modo a cittadini e turisti di visitare alcuni dei più interessanti edifici, tramite tour guidati che permetteranno di scoprire la storia e i dettagli architettonici e artistici.

Non solo edifici: alcune visite guidate avranno come protagonisti cantieri o zone poco note della città. Più in generale, il prossimo weekend rappresenta una bella occasione per entrare in palazzi notissimi, che però sono solitamente chiusi al pubblico.

Le location da visitare sono tante, ma lo spazio è in genere poco: conviene dunque organizzare la visita tramite il sito ufficale openhouseroma.org considerando anche che in alcuni casi è necessaria la prenotazione online. Altrimenti ci si può recare direttamente sul posto, tenendo presente che sarà l'ordine d'arrivo a stabilire chi potrà accedere.

Ma quali sono i siti da visitare? Tra i tanti in programma, solo per offrire una panoramica dei vari "generi", segnaliamo Palazzo Pamphilj, la sede dell'ambasciata brasiliana in Piazza Navona; oppure - per cambiare decisamente atmosfera - l’Accademia Italiana di arte, moda, design in Piazzale della Radio; o ancora il Km verde del Corviale; il Fungo all'Eur; l'Istituto Giapponese di Cultura a Flaminio; il Palazzetto Bianco in Via di San Damaso; la chiesa di San Policarpo e il Parco degli Acquedotti; l'ex Mattatoio di Testaccio.

"Le visite guidate, effettuate dai progettisti stessi, dagli studenti di architettura delle facoltà di Roma e dai cultori dell'architettura, i tour pedonali e ciclabili, più i numerosi eventi speciali permetteranno ai cittadini di scoprire il patrimonio nascosto della capitale: quegli spazi che per la loro quotidiana funzione o per mancanza di occasioni non sono aperti alla fruizione pubblica", spiegano gli organizzatori.

  • shares
  • Mail