Scioperi a Roma: i prossimi contro Manovre del Governo Monti e Liberalizzazioni

Terra!_piermario

Le manovre ‘salva Italia’ del Governo Monti e le liberalizzazioni potrebbero anche produrre qualche vantaggio con il tempo, ma per il momento è dura essere ottimisti qui a Roma, investita dagli scontenti e gli scioperi di tutta l’Italia da salvare.

Questa mattina iniziano i taxi, in sciopero dalle 8 alle 22 contro la liberalizzazione, non senza conseguenze sulla mobilità pubblica e privata della città e disagi per tutti i passeggeri in arrivo all’aeroporto di Fiumicino e alla stazione Termini.

Da oggi al 27 gennaio si fermano anche gli autotrasportatori di TrasportoUnito contro misure insufficienti per trimestralizzare il recupero di una parte delle accise sui carburanti, mentre nella mattinata di oggi, nonostante i divieti dalla questura di Roma e Latina, la Pontina rischia di essere bloccata da Tir, trattori e 'forconi' del "Movimento di Dignità Sociale” che riunisce Agricoltori, Autotrenisti, con relativi indotti, e uomini delle forze armate e di polizia.

Venerdì 27 gennaio si aggiungono anche le 24 ore dello sciopero generale dei trasporti, che fermano bus, filobus, tram, metropolitane A e B, ferrovie, insieme al il Trasporto Ferroviario (dalle 21.00 del 26/1 per 24 ore), il Trasporto Marittimo (dalle 21.00 del 27/1 per 24 ore) e quello Aereo (dalle 21.00 del 26/1 alle 21.00 del 27/1), al quale aderiscono gli assistenti volo di Alitalia-Cai, il personale delle società aeroportuali di Roma Fiumicino e Campino, i piloti e gli assistenti di volo della Meridiana Fly.

“Se il Parlamento non modificherà il testo del decreto”, la Federazione Federfarma, favorevole solo a nuove aperture pari a circa il 10% del totale delle farmacie esistenti, il 1° febbraio abbassa le saracinesche dei suoi esercizi.

Il 10 e il 13 febbraio scioperano i Medici di famiglia in difesa dell’ENPAM chiudendo gli studi medici ed effettuando solo le prestazioni indispensabili, visite domiciliari urgenti e quelle programmate a domicilio di pazienti gravi o anziani. I medici di Continuità assistenziale (ex guardia medica) e quelli dell’emergenza territoriale 118 si fermeranno sabato 11 e domenica 12 febbraio, garantendo solo il minimo indispensabile del servizio.

Gli avvocati hanno proclamato sette giorni di sciopero contro le liberalizzazioni ‘selvagge’, i primi due il 23 e il 24 febbraio, quando si fermano anche i tribunali, gli altri a marzo a cavallo del loro congresso straordinario, convocato per il 9 e il 10 marzo.

Il fronte dei Benzinai è diviso tra Figisc Confcommercio che minaccia 7 giorni di serrata ma è pronta a revocarli da una parte, e Faib e Fegica che hanno confermato 10 giorni di agitazione dall’altra, ma tutti aspettano il testo definitivo del decreto per annunciarci a bomba le date. E purtroppo siamo solo all'inizio..

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail