La Tana della Lupa: scusate se è troppo


Come urla Carletto Zampa, abbiamo 'na certa età, Capitano, e "tu ce fai morì così..!". Nemmeno il tempo di capire cosa succede, quale formazione è scesa in campo contro il Cesena, dopo la sospensione sotto il diluvio di Catania, e Totti infila una doppietta spaventosa per entrare ancora una volta nella storia del calcio.

Gli assist al bacio, di tacco e di punta, li offre El Coco Lamela, finalmente nel suo ruolo principe, e il Capitano torna a fare il bomber spietato, che fulmina il povero nonno Antonioli, complice anche un fuorigioco nella perla del secondo gol.

Ma è tutta la Roma che dilaga subito, rubando palla e ripartendo in pochi tocchi in un disegno che prende sempre più forma. La terza rete è l'emblema della squadra voluta da Luis Enrique. Pelota rubata su pressing, Totti per Greco che piazza per Borini. Troppo facile.

Il resto è quasi accademia, sprechi ed errori compresi, un paio di sbavature dietro a regalare un gol della bandiera e un po' di scena firmata Big Stek. Peccato solo per Bojan che meritava il suo sigillo personale. Questa Roma la sognavamo da tempo e se l'avversario non era all'altezza è meglio, significa che finalmente si soffre meno.

Voti

Stekelenburg 7 incolpevole sulla magia di Eder, per il resto non fa una piega, mai.

Rosi 6,5 A Catania nel diluvio era da bocciare per le stupidate che non riesce a evitare, stavolta fa il bravo.

Juan 7,5 Torna anche a segnare, la resurrezione è completa (esce nel finale per Kjaer s.v.)

Heinze 6 Si perde la linea del fuorigioco e lascia scappare Eder. Ma piace sempre la sua tigna.

Taddei 7 Ancora in gran palla, sempre sorprendente su quella fascia.

Greco 7 Finalmente una prova ricca di acuti, come la palla col contagiri per Borini. Bravo.

Gago 7 Ordinaria amministrazione, con che stile. Non fa sentire l'assenza di De Rossi.

Pjanic 7,5 Sempre più padrone della squadra in mezzo al campo. E quando sale fino in fondo, fa male.

Lamela 8 E' scritto nel suo destino. Un numero 10. Un campione vero. Totti lo ringrazia come poche volte gli è capitato nella sua carriera. Lascia il posto a Bojan 7 il futuro darà ragione anche a lui.

Borini 7,5 Il coltello fra i denti di questo ragazzo lo amiamo già. E' il Rizzitelli che ci mancava. Felici di tifarti.

Totti 9 Fosse solo per la doppietta, per i 211 goal con una sola maglia, la nostra, l'essere entrato in ogni azione pericolosa fino al cambio. Ma il godimento che ci regali quando sentiamo i tuoi detrattori aggrapparsi ai cristalli lucidi dei numeri che gli snoccioli davanti, ancora oggi, non ha prezzo... Esce per Viviani 6, forse troppo presto (come a Catania, e ora ci mancherà).

Luis Enrique 8 Tempesta perfetta.

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: