Atac rafforza sicurezza in metropolitana con Unità cinofile

Da oggi Atac rafforza sorveglianza e sicurezza nelle stazioni della Metropolitana con le Unità cinofile, a partire da Spagna, Colosseo e Termini

Dal punto di vista dell'efficienza, lungo la linea B della metropolitana la circolazione dei treni è rallentata in direzione di Rebibbia, a causa di un problema tecnico, come lungo nel tratto urbano Flaminio-Montebello della ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, ma a quanto pare sul versante del trasporto metropolitano della Capitale, da oggi qualcosa cambia dal punto di vista della sicurezza.

Dopo tanti furti, scippi, risse e aggressioni, ci penseranno i nuovi fedelissimi Agenti a 4 Zampe a fiutare e scoraggiare i male intenzionati di turno, con il nuovo servizio di sorveglianza affidato alle unità cinofile degli Istituto di Vigilanza romani M.I.B. Security & Service e Italpol.

Fedelissimi agenti scelti a addestrati come Frank (ma anche il 'piccolo' PANCHO non sembra male come deterrente), in squadra con due guardie giurate, entrati in servizio per implementare la sorveglianza e la sicurezza lungo le linee della metropolitana di Roma.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs);}(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Un servizio di controllo, aggiunto da Atac a quelli lungo le linee A e B/B1, con 10 squadre in servizio dalle ore 10 alle 20, con presidi fissi nelle stazioni della Metropolitana di Spagna, Colosseo e Termini, per implementare in modo visibile i controlli all’ingresso e all’uscita delle stazioni.

Utilizzando da tempo le unità cinofile nelle verifiche serali e notturne all'interno dei propri stabilimenti e lungo i percorsi metroferroviari, Atac punta a rafforzare la visibilità del personale di Security, insieme alla percezione di un più attento e capillare controllo delle infrastrutture del trasporto pubblico cittadino, e il fattore deterrente.

Il servizio delle unità cinofile punta comunque ad estendersi in altre stazioni, restando dinamico e pronto a rispondere a necessità del momento o servizi di controllo dedicati.

Per esempio il mercoledì e la domenica, in particolari orari può essere dislocato personale alla fermata Ottaviano, per garantire maggiori controlli durante le udienze papali a San Pietro, successivamente nviato in altre fermate che ne presentano maggiori necessità a cuasa di eventi o periodi delicati.

  • shares
  • Mail