Colosseo a numero chiuso da Pasqua 2012 "Non più di 6mila visitatori alla volta"

Colosseo Piranesi

Il Colosseo ha iniziato il 2012 con 9.015 visite nelle cinque ore di apertura ‘ad ingresso gratuito’ del 1° gennaio, contro le 24mila che è riuscito a contate dall'alba al tramonto nelle belle giornate estive, ma nel futuro del monumento tra i più visitati al mondo le cose saranno parecchio diverse.

Anche senza le previsioni catastrofiche dei Maya per il 20 dicembre 2012 e continui crolli, il restauro Della Valle rallentato dalla burocrazia e poi anticipato, non monterà le impalcature prima di marzo e avrà bisogno di tre lunghi anni di ponteggi e 25 milioni di euro per cambiare faccia all’Anfiteatro Flavio, espandere la superficie visitabile di un ulteriore 25%, oltre al "centro servizi interrato nell'aiuola al lato dell'Arco di Costantino.

In ogni caso la Soprintendenza archeologica speciale di Roma da Pasqua 2012 dovrebbe avere operativo un sistema per limitare il flusso di visitatori ad un massimo di 6mila per volta, assicurato all’entrata da tornelli provvisti di apparato "contapersone" collegato con la biglietteria.

Una disposizione presa per consentirne una migliore fruibilità ai visitatori e non raggiungere i livelli di rischio, a detta del soprintendente Anna Maria Moretti, che in considerazione della notevole riduzione dei sostanziosi introiti che comporta lascia presagire anche parecchia preoccupazione per il futuro del simbolo della città eterna, che Piranesi ha reso protagonista di questa incisione "Interno del Colosseo con edicole per la Via Crucis" nel 1750 circa.

Foto | Wikipedia

  • shares
  • Mail