Prende a pugni donna per rubare smartphone: preso con gps

Straniero prende a pugni una donna alla fermata del bus Policlinico per rapinarla, rintracciato e arrestato grazie a gps smartphone e metrobus

Polizia Roma arresta rapinatore grazie a gps smartphone della vittima

Nel vergognoso numero di furti e aggressioni che continuano ad avere come vittime donne, anziani, turisti e quanti presi di mira da predatori di ogni nazionalità, ogni tanto qualche colpevole viene preso proprio grazie alla ragione che lo ha indotto a commettere il reato.

È successo questa mattina ad una giovane donna che aspettava l'autobus alla fermata in zona Policlinico per recarsi al lavoro.

Una vittima aggredita con un pugno al volto, uno allo stomaco e spinta in terra da un trentenne straniero, scappato dopo averle sottratto la tessera del bus e lo smartphone che aveva in tasca.

La denuncia della donna fatta al Commissariato di Polizia di Stato Viminale ha consentito agli agenti di mettersi subito alla ricerca del responsabile, e seguendo il segnale gps del cellulare della donna, rintracciare il trentenne di nazionalità tunisino in un casolare abbandonato, noto riparo di sbandati.

Il malvivente trovato in possesso dello smartphone sottratto alla giovane e di un abbonamento metrebus a lei intestato è stato quindi arrestato con l’accusa di rapina.

  • shares
  • Mail