Regali di Natale 2011: graditi vs sgraditi

Ever Present_JD Hancock

Crisi o non crisi dopo la notte di Natale i cassonetti straripano di carta dei regali. Regali di Natale solo simbolici per onorare lo spirito della natività e la crisi in molti casi, più costosi nel tentativo di glorificare gli ultimi soldi prima dell’austerity per alcuni, gli orrendi e inutili pensierini di sempre per troppi altri.

Aspettando i saldi anticipati al 5 gennaio 2012, parecchi hanno preferito regalare buoni da spendere con l’anno nuovo, potendo approfittare degli sconti e soprattutto della tendenza che si fa largo tra i negozianti in crisi, che preferiscono incassare due spiccioli subito per qualcosa che venderanno solo poi.

Pochi, maledetti e subito, per tanti ma non per tutti. Tra amici solo regali simbolici o pelosi, mi sembra di capire dai 'resti' in giro che i Tesori d'Oriente profumeranno le tolette di parecchi. Tra i credenti dell'O ora o mai più, mio cugino (tornitore in mobilità folle senza speranza) si è messo in fila da Tiffany per il regalo della compagna, probabilmente insieme a quelli che la crisi non la sentono mai.

In famiglia (ristretta) hanno vinto i regali utili/necessari, io ho regalato e ricevuto tante cose gustose da mangiare, quindi niente dieta per la signora comunque parecchio soddisfatta viste le premesse di questo 'magro' Natale. Voi? Che tipo di regali avete ricevuto, e soprattutto quali sono stati i più graditi e sgraditi?

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail