Allerta maltempo Roma: estesa con vento, bufera, mareggiata Ostia

Il vento spazza Roma, erode la spiaggia di Ostia, minaccia le dune di Capocotta, la Protezione Civile rinnova allerta maltempo

La perturbazione che ha investito la capitale, con pioggia tirata con i secchi per tutta la notte, questa mattina ci ha regalato il sole che continua a fare capolino tra le nuvole, mentre le raffiche di vento non smettono di agitale il suo mare, con onde alte più di quattro metri e una mareggiata impressionante.

Vento di maestrale che ha notevolmente ridotto il processo di erosione dell'arenile, soprattutto quello minaccia le dune di macchia mediterranea di Capocotta e nella zona di Ostia Ponente, dove gli interventi che dovrebbero contrastarla, già finanziati da tre anni dalla Regione Lazio, ancora non si vedono.

Il vento che ha raggiunto punte di 68 km l'ora di velocità non lesina disagi neanche alle operazioni di atterraggio e decollo degli aerei nello scalo dell'aeroporto “Leonardo da Vinci”. Di Fiumicino.


Una situazione delicata che ha spinto la Capitaneria di Porto di Roma ha raccomandare ai pescatori di Fiumicino di ormeggiare le loro imbarcazioni a monte della passerella pedonale, proprio per evitare che restino risucchiati dalla corrente in risalita dal mare.

Fonti raffiche di vento hanno abbattuto rami e alberature anche a Roma, da via di Acilia a piazza Verbano, da via della Bufalotta, all'Ardeatina altezza Divino Amore, un pino ha investito e distrutto un'auto in transito in via della Giustiniana, e una palazzina di via Manfredonia al Quarticciolo.

A Garbatella un grosso fusto caduto in via Nicolò da Pistoia ha chiuso la strada, mentre in via di Selva Nera una altra grossa pianta caduta sulla carreggiata ha sfiorato un bus della linea Tpl 028. Un ramo finito sui binari ha rallentato anche la circolazione ferroviaria tra Pomezia e Torricola.

In via della Magliana il vento ha abbattuto una barra metallica lunga circa 15 metri su un'edicola, sul Quirinale è stato staccato anche il tricolore. In via Montebello, zona Castro Pretorio, si sono rotti i vetri di una finestra cadendo in strada da diversi metri di altezza.

Non sono mancati neanche un paio di feriti, da via Aurelia 1463, dove un uomo di 65 colpito alla testa da un ramo è finito un ospedale con trauma cranico, a via dell'Arco di Travertino, dove un 27enne centrato da un ramo ha riportato contusioni ad una spalla e al braccio.

Il Centro Funzionale Regionale rende anche noto che il Dipartimento della Protezione Civile ha esteso l'allerta meteo, dalle prime ore di venerdì 30 gennaio alle successive 24 ore, prevedendo ancora piogge, accompagnate da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica e venti forti dai quadranti occidentali, con rinforzi fino a burrasca forte e con mareggiate sulle coste esposte.

Dal tardo-pomeriggio-sera di oggi, 30 gennaio 2015, e per le successive 12-18 ore sul Lazio sono previste nevicate in momentaneo calo fino ai 300-500 metri, sui settori orientali, con apporti al suolo generalmente moderati e fino ai 500-700 metri sui restanti rilievi con apporti al suolo generalmente deboli. Quota neve in nuovo generale rialzo al di sopra dei 700-1000 metri nel corso della mattinata di domani 31 gennaio 2015(Allerta meteo-idro DPC).

In aggiunta a questo, si prevede sul Lazio una criticità idrogeologica “codice giallo – ordinaria” sulle zone D (Roma) e F (bacini costieri meridionali), e una criticità idrogeologica “codice arancione – moderata” sulla zona E (Aniene).

Per ogni richiesta di chiarimenti, informazioni o interventi è possibile contattare la Sala Operativa h 24 della Protezione Civile capitolina al numero 06-67109200 o al numero verde 800854854.

  • shares
  • Mail