Daino a spasso sul lungomare romano di Fregene

Daino esce dall'oasi WWF di Macchiagrande per fare una passeggiata sulla spiaggia del lungomare romano e le strade di Fregene

Chi ama frequentare il litorale romano in tutte le stagioni, sa bene che cosa è in grado di offrire a chi brama il contatto con la natura e l'orizzonte infinito del mare, tra il suono della risacca, il profumo di salmastro ed incontri decisamente interessanti con la fauna locale.

A questo riguardo, stando agli ultimi avvistamenti, in questi giorni basta fare un giro a Fregene, per imbattersi in un daino maschio adulto ribattezzato Pompeo, avezzo alle esplorazioni audaci oltre i confini dell'Oasi Wwf di Macchiagrande che lo ospita insieme a molti altri esemplari.

Il cervide niente affatto spaventato dalla presenza dell'uomo, sembra aver fatto un'insolita apparizione nella cittadina sul lungomare, accomodandosi sotto gli ombrelloni dello stabilimento Ondina che ospita il ristorante “Cabina 31”, dove i proprietari, preoccupati di un eventuale ferimento dell'esemplare, hanno segnalato l'avvistamento alle autorità competenti.

Un'eventualità sfatata del responsabile delle Oasi Wwf Riccardo Di Giuseppe giunto sul posto che ha assicurato che il daino

“Si trova in ottima salute. Ha qualche escoriazione, dovute al contatto con la vegetazione. Non è nuovo a sorprese del genere, tempo fa si è avvicinato all’ingresso dell’Oasi di Macchiagrande e venne fotografato. L’ho ribattezzato con il nome di Pompeo”

A quanto pare la visita di Pompeo sarebbe motivata dalla presenza di vegetazione a lui gradita che non esclude un eventuale ritorno, anche accompagnato, proseguito via spiaggia via spiaggia in direzione del Villaggio dei Pescatori, dove non sono mancati altri avvistamenti increduli.

In questi caso lo stesso Di Giuseppe raccomanda a chiunque capiti di fare certi avvistamenti di "non avvicinarsi e non toccare l’animale in questione", perché si tratta pur sempre di un animale selvatico, mentre restando a guardarlo troppo a lungo si rischia solo l'innamoramento per le meraviglia di madre natura che abbiamo perso l'abitudine di osservare.

Per qualsiasi segnalazione su questi avvistamenti si può comunqne contattare Riccardo Di Giuseppe (cel. 366.2177867)

galleryId = "Mi4yLjEwNzAxMTk1OQ==";embedGallery(galleryId);

  • shares
  • Mail