L'albero di piazza del Popolo: Agonia di Natale

Agonia di un albero di Natale

Vediamo se c'è ancora qualcuno che non ha capito. Questa serie di fotografie non lascia spazio ad alcun dubbio. Ecco l'albero di Natale piazzato sopra piazza del Popolo, sulla terrazza a livello di viale Gabriele D'Annunzio. Un abete alto e robusto. Di almeno 30 anni a guardare il tronco (gli abeti ne possono vivere fino a 500, 600).

Invasato in un catino minuscolo. Con le radici segate. Guardate come stanno i suoi rami. Completamente mosci, cadenti, spezzati, che fanno grondare tutto il verde verso il basso. Come braccia penzoloni. L'esatto contrario di come dovrebbero essere quelli di un abete, che dovrebbero puntare verso l'alto.

La cosa tragica è che l'albero è qui da poco, e la sua lenta tortura (come quella degli altri) è solo agli inizi. Ma figuriamoci se gli stupidi, assetati del "vero albero di Natale" se ne rendono conto. Ignoranti che non sono altro. Che rispettano la natura solo a parole. E guai se gli metti una finzione molto più funzionale.

Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale

Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale
Agonia di un albero di Natale

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: