Raccolta differenziata, arriva il "porta a porta"

Il ritiro a domicilio della raccolta differenziata è una soluzione già adottata in molte città italiane e in altre capitali europee, e consente di aumentare significativamente il riciclo di carta, cartone, vetro, plastica e metalli, evitando lo spreco di risorse naturali e riducendo la quantità di rifiuti da destinare in discarica.

Se per Roma fnora era solo un progetto teorico, in questi giorni finalmente parte una sperimentazione concreta che coinvolgerà tre quartieri diversi: Colli Aniene (12 marzo), Decima (aprile), Massimina (maggio), per un totale di circa trentamila cittadini.

Il progetto si chiama “Butta bene, Vivi meglio” e prevede innanzitutto l’eliminazione di tutti i cassonetti stradali e la loro sostituzione con 4 “bidoncini” per ogni condominio: scarti alimentari, carta, multimateriale (vetro, plastica e metallo) e rifiuti che non si possono riciclare.

Gli operatori dell’AMA ritireranno le varie tipologie di rifiuti con frequenze differenti: tre volte a settimana il ritiro degli scarti alimentari, un solo ritiro a settimana per carte e multimateriale e due per gli altri rifiuti. Per i commercianti poi, sono previsti passaggi di raccolta più frequenti vista la maggiore quantità di rifiuti prodotta.

Le famiglie interessate dalla sperimentazione “porta a porta” riceveranno un kit con una guida per imparare a differenziare i propri rifiuti e un calendario dei giorni di raccolta. Sono previsti inoltre specifici info-point stradali: il primo (da lunedì 19 marzo) è in via Meuccio Ruini, angolo Via Franceschini (Colli Aniene).

I benefici, se il progetto pilota funzionerà, saranno notevoli: oltre all’aumento dei rifiuti riutilizzabili si prevede - grazie alla rimozione dei cassonetti - una maggiore pulizia delle strade e più posti auto (circa 283 posti nei tre quartieri considerati). L’Amministrazione Comunale ha deciso poi di premiare i cittadini che praticheranno il nuovo sistema, applicando una riduzione del 10% sulla Tariffa Rifiuti 2007.

Resta ancora qualche dubbio: dove verranno collocati i 4 contenitori? I comunicati parlano genericamente di “competenze condominiali”. Ma soprattutto, la frequenza del ritiro sarà sufficiente? O ci ritroveremo 4 bidoni di rifiuti differenziati che traboccano senza controllo (come avviene talvolta per i cassonetti tradizionali)?

Ulteriori info: AMA Roma

Fonte: Assessorato all’Ambiente

  • shares
  • Mail
30 commenti Aggiorna
Ordina: