"Più libri più liberi". Oggi l'ultimo giorno

giulia sagramola libro

Fate ancora in tempo. Oggi, al palazzo dei Congressi dell'Eur, si chiude la fiera nazionale della piccola e media editoria, aperta l'8 Dicembre. "Più liberi più liberi" compie dieci anni. E potrebbe essere l'ultima volta per Roma.

"Roma è la capitale della piccola editoria – ha dichiarato il presidente dell' Associazione editori, Marco Polillo - Noi garantiremo questa edizione, con uno sforzo gigantesco, ma è evidente che senza garanzie dovremo decidere se chiudere nel 2012 o andarcene da Roma, sperando di trovare altrove maggiore sensibilità".

Come da tradizione stamattina, Camilleri chiuderà simbolicamente la manifestazione, incontrando i lettori. Ma ci saranno tanti altri ospiti, come Margherita Hack, Giorgio Vasta, Concita De Gregorio e Zachar Prilepin.

Ovviamente però, i veri protagonisti restano loro: I libri. Oggi che affrontano la grande sfida (non necessariamente) contro le nuove tecnologie, si propongono qui con vesti sempre più sorprendenti. Come libro a fisarmonica, racchiuso in una busta stampata a xilografia, che si apre e diventa un grande poster.

Ci sono i libri scultura, tridimensionali, che si trasformano in suppellettili. I libri spirituali abbinati a cristalli ed oli profumati, pagine bucate che creano visioni. Ma nell’era dell’eBook, l’ultima rivoluzione è senza dubbio il libro interattivo e tattile. Però di carta! Un ritorno alle origini attraverso il futuro.

Con lo slogan "Un paradiso di tentazioni da sfogliare", l'evento, un po' mostra, un po' mercato, un po' incontro, offre oltre 60 mila libri e 411 editori "Due terzi degli editori e un terzo dei visitatori – assicurano gli organizzatori - vengono da fuori la Regione Lazio".

  • shares
  • Mail