Camion bar a Roma: cosa cambia con l'anno nuovo. Si spera.

Le prime novità del 2015? Spostamenti, aumenti e guerra ad una delle lobby più insopportabili di Roma centro

Impero camion bar Roma


La promessa c’è e la speranza è che data la fine dell’anno, quella in cui tutti dovremmo essere più buoni, possa essere reale la decisione di allontanare gran parte delle bancarelle dal centro storico.

Gennaio 2015 e inizio febbraio, in questo senso, dovrebbe essere la data ultima. Il Tar, intanto, sembra aver spianato ulteriormente la strada verso questo tipo di decisione, visto che non ha concesso la sospensiva agli ambulanti che nei mesi scorsi avevano presentato il loro ricorso. Per loro il piano del Comune andava rivisto, ma così non è stato.

Non solo al Colosseo, dunque, potrebbe esserci spazio esclusivamente per monumenti e turisti e cittadini di passaggio, ma anche ai Fori, nel Tridente, a piazza Navona, al Circo Massimo e a Trinità dei Monti. Le principali aree archeologiche, come più volte auspicato da tutti, troverebbero nuova vita segnando una fondamentale novità per il 2015. Il provvedimento che doveva arrivare da anni, forse adesso diventerà realtà con la new sul commercio su suolo pubblico che dalla scorsa estate riguarda pure i camion bar.
Soddisfatta Marta Leonori, assessore al commercio del Campidoglio, la quale ha commentato:

"Praticamente tutti gli operatori hanno fatto ricorso, ma ce lo aspettavamo. Con la decisione del Tar sulla sospensiva richiesta dagli urtisti possiamo ora procedere con la chiusura del procedimento di rilocalizzazione. Sono arrivate anche le osservazioni degli operatori, urtisti e camion bar, ai quali avevamo dato un periodo per far pervenire le loro note. Il tempo è scaduto a novembre e quanto prima le analizzeremo. A fine gennaio e inizio febbraio realisticamente possiamo pensare di procedere ad avviare l'iter di rilocalizzazione. Stiamo lavorando per questo".

Un cambiamento che regalerebbe nuovo lustro e decoro ad una città che non ha eguali, ma dove andranno gli attuali ambulanti? È prevista una riorganizzazione che tra l’altro riguarda anche fiori e librai, per i quali verranno studiate nuove soluzioni.

La stessa Leonori ha confermato che "i camion bar sono 19 solo tra via di San Gregorio e piazza Venezia, ma si arriva a 22 calcolando anche quelli del Circo Massimo". Le prime saranno collocazioni temporanee probabilmente tra lungotevere Oberdan (tratto da piazza del Fante a Ponte Risorgimento), lungotevere Testaccio (da Ponte Testaccio a Ponte Sublicio), lungotevere Diaz (via Capoprati) e via della Piramide Cestia da piazza Albania a Porta San Paolo. Per quanto riguarda gli urtisti, invece, verranno sistemati provvisoriamente in via di San Gregorio, nel tratto da via Celio Vibenna fino a Porta Capena.

Inoltre Ignazio Marino, il sindaco che prova ad affrontare quello che nessuno ha mai solamente pensato di cambiare, in occasione della presentazione del bilancio previsionale 2015, ha dichiarato:

"Come promesso le tariffe per l'occupazione del suolo pubblico per i camion bar ritornano, in Centro, a 30 euro al giorno per un totale di 900 euro al mese. Le abbiamo moltiplicate per il coefficiente che avevo proposto"

  • shares
  • Mail