Gita fuori porta: a Percile per la Sagra della ramiccia

Piccolo ma ‘gustoso’ questo paesino della comunità montana della Valle dell’Aniene che si chiama Percile e che questo weekend ci offre la XXXI Sagra della ramiccia, un tipo di fettuccina che le donne del posto da tempo immemorabile preparano a mano per i loro mariti e condiscono con pomodoro, ragù, funghi porcini e tutti gli altri incredibili doni del bosco in questa stagione ormai quasi invernale.

Domenica tutto ciò rivivrà per le strade di questo borgo dove abitano stabilmente appena 200 persone e che ha una posizione invidiabile nel cuore di una natura magnifica e pressoché incontaminata. Percile, infatti, sorge a 500 metri d’altezza all’interno dell’area regionale protetta dei Monti Lucretili e il panorama del paese è dominato da ‘il Pellecchia’ il monte più alto della catena sul quale nidifica persino l’aquila reale.

Qui intorno circa 900 ettari di territorio compongono la prestigiosa tenuta demaniale ‘Lago’ dove si trovano i Lagustelli: due splendidi laghi di origine carsica che dal 2008 ricadono sotto la tutela del Ramsar, il trattato che si occupa a livello internazionale della difesa degli ambienti umidi che fungono da habitat per gli uccelli acquatici.

Da queste parti la flora è pregevole: vi troverete immersi in una vegetazione fatta di biancospini, prugnoli, roverelle e aceri, mentre, per quanto riguarda la fauna, non è proprio rarissimo imbattersi in cinghiali, mentre fino a poco tempo fa qui viveva anche un esemplare di orso marsicano. Comunque, tra i due Lagustelli, il più bello è senz’altro quello di Fraturno, incorniciato dai salici e da una fitta rete di canne palustri che si specchiano nell’acqua cristallina. Fra riva e acqua potrete incontrare rane appenniniche, bisce e, se sarete oltremodo fortunati, anche il tritone.

Tornando al nucleo abitato di Percile, è interessante sapere che deve il suo nome probabilmente alla famiglia romana dei Porcia e che a testimonianza di quel periodo resta una stele di marmo raffigurante una bambina dell’apparente età di 7 anni.

Facciamo un balzo in avanti fino al Risorgimento: a Percile si rifugiarono i garibaldini in fuga dopo la battaglia di Mentana, mentre nel secolo scorso la Grande Guerra qui fece 27 vittime, mentre i bombardamenti del secondo conflitto mondiale costrinsero molti degli abitanti a scappare in grotte e capanne costruite alla meglio nei pressi del paese.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: