Roma vista dai giornali stranieri: Cose che si imparano solo vivendoci

Roma si conosce veramente solo vivendoci As the romans do. Difficile capire qualcosa di questa città da turisti. Ecco le scoperte di un redattore straniero che ci ha abitato come studente fuori sede. E che ne rimpiange vizi e virtù.

Eccoci qua con un bell'articoletto che finalmente spiega Roma come è veramente: lontana dal mito della Dolce vita (luogo comune attira-turisti) e dai soliti giri Colosseo-Pantheon-Piazza di Spagna.

Ci sono cose che in effetti solo se sei veramente vissuto a Roma per un tot di tempo e non solo per un week end last minute, potrai imparare, come spiega un articoletto molto carino di Bustle.com, firmato dall'autrice Nile Cappello.

Ad esempio che l'ombrello ha molti altri usi oltre a quello di ripararti dalla pioggia, visti gli storni che infestano i marciapiedi della città con i loro “ricordini”. E, tanto per citare qualcuno dei 15 brevi esempi segnalati dall'autrice, non è detto che chi salga sul bus abbia sempre fatto il biglietto (cosa che evidentemente stupisce chi vive all'estero).

roma-ok

Oppure si scopre che nei mercati in strada è facile aver voglia di comprare un frutto e mangiarselo passeggiando, approfittando di poterlo lavare in qualche fontanella che dà gratis acqua fresca tutto il giorno (noi lo diamo per scontato, no?).

E a parte inconvenienti comuni per chi prende in affitto una stanza da fuori sede e non sempre è trattato con i guanti bianchi (citati: l'andare e venire dell'acqua fredda della doccia, lo sciacquone malfunzionante) secondo l'autrice una volta andati via non si può far altro che cercare ogni buona occasione per tornare.

Curiosità: Da un punto di vista enogastronomico, cos'è che si rimpiange di Roma da ex studente fuorisede vissuto nella nostra città? Le sue personalissime preferenze vanno alla gelateria Giolitti (la sua seconda casa, scrive, non specificando però di quale sede di Giolitti parli) e la pizza mangiata Dar Poeta. De Gustibus.

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: