Natale 2014 a Roma: luci, abeti, presepe e protesta, dal centro alla periferia

Dall'abete al Colosseo al presepe a piazza Navona, Natale 2014 addobba Roma dal Centro alla periferia, dall'abete al Colosseo, alle luminarie a Tor Sapienza, mentre la protesta infuria da via Condotti all'Eur.

Dicembre si avvicina, pronto a tirare le somme di un anno carico di criticità e se ad accendere la festosa atmosfera natalizia serviranno ben più dei bagliori fatui del consumismo, il ponte dell'Immacolata si prepara ad accendere la protesta insieme agli addobbi più o meno ufficiali.

Luci di Natale che si accenderanno dalle vie del centro alla periferia dell'isola pedonale del Pigneto, via Ludovico Pavoni a Tor Pignattara e piazza De Cupis a Tor Sapienza, con il contributo di Acea (quindi anche il nostro), mentre il Campidoglio tiene a sottolineare che l'iniziativa, portata avanti dall'ufficio Progetti speciali del gabinetto del sindaco, ha individuato le associazioni di commercianti del centro storico che finanzieranno l'istallazione delle luminarie.

Le associazioni di via dei Banchi Nuovi, associazione via dei Banchi Vecchi, Stella McCartney Srl, Alessandro Risi, associazione Artigiani via dell'Orso, associazione di strade La Rotonda, associazione Progetto Tomacelli, associazione via del Babuino, associazione via dei Condotti, associazione via Merulana, via dello Statuto e Laura Rossi International.

Oltre al solito abetone donato al Vaticano per Piazza San Pietro, entro l'8 dicembre un abete verrà piantato a piazza Venezia, uno nell'area del Colosseo, mentre ogni Municipio di Roma avrà il suo che arriva dalla Val di Fiemme, con la certificazione della coltivazioni per la produzione del legname, mentre piazza Navona torna ad ospitare il presepe. 

I giochi di luce destinati a via del Corso, memore del tricolore e dell'arcobaleno accompagnati dalla critica degli scorsi anni, si accenderanno dei colori delle bandiere di tutte le nazioni con il loro messaggio di fraternità e eguaglianza, mentre il cielo di luce sarà destinato a via Borgognona (foto a seguire), orchidee di luce a via del Babuino e alberi illuminati in sospensione a via Frattina.

A sfavillare di luci anche la via di Ripetta, via dell'Orso, via dei Gigli d'oro, via dei Soldati, vicolo della Palomba, via di Torre Argentina, via della Rotonda, via dei Cestari, piazza di Santa Chiara, via di Santa Chiara, via Santa Caterina da Siena, via Piè Di Marmo, via della Palombella, salita dè Crescenzi, via Arco della ciambella, via di S. Eustachio, via Monterone, via del Teatro Valle, via della Dogana vecchia, via di Sant'Ignazio, via del Gesù, piazza della Pigna, via Giustiniani, via dei Redentoristi, piazza Sant'Eustachio, piazza Rondanini, piazza dei Caprettari e via Tomacelli. 

Nella zona di Campo dè Fiori si accenderanno di luce via dei Banchi nuovi, via di Santo spirito, via dei Banchi vecchi, via del Pellegrino, via di Monserrato, come all'Esquilino faranno via Merulana, via dello Statuto e largo Brancaccio. 

A Monti ci accendono via dell'Angioletto, via Urbana, via del Boschetto, via Leonina, via dei Serpenti, via Panisperna, via degli Zingari e il tratto di via Cavour dal civico 78 al 216.

Luci della festa che, come abbiamo già visto, non risparmiano la polemica per la Ztl del Tridente a via Condotti, ma anche all'Eur, dove i negozianti di viale Europa hanno già proclamato lo sciopero delle luci di Natale e volontà di lasciare i "Negozi al buio contro il degrado" del quartiere a sud di Roma, come spiga Massimo Cinti, presidente dell'associazione Viale Europa

"Nessuno ci ascolta  siamo strangolati dall'abusivismo, dall'immondizia, dalla prostituzione. Insieme ai residenti, siamo anche scesi in piazza nella protesta organizzata due settimane fa dai comitati di periferia. Ma non è servito a nulla. Per questo abbiamo deciso di dare un segnale: niente luminarie. Addobbare la strada lo abbiamo fatto tante volte, stavolta ci è sembrato inopportuno. C'è poco da festeggiare"

Acea che supporta l’illuminazione natalizia di via Del Corso, dedicata ai Paesi che prenderanno parte a Expo 2015, insieme a Roma Capitale, la estende in alcune zone periferiche di Roma con il progetto 'Luce. diversità è energia', illuminando le facciate di tre scuole nei quartieri di Tor Sapienza (Istituto Comprensivo “Piazza De Cupis”), Torpignattara (Scuola primaria “Carlo Pisacane”- Istituto Comprensivo “Via Ferraironi”) e il Pigneto (Istituto Superiore Europa “Virginia Woolf”), e donazioni per attività didattiche relative al tema dell’integrazione e dell’inclusione sociale, in quartieri dove il disagio e le tensioni sociali 'forse' avrebbero bisogno anche di un po' più di luce in strada.

Se siete a caccia di presepi, potete scegliere tra quello allestito in Piazza San Pietro e i più di "100 Presepi" ospitati dalle Sale del Bramante di Piazza del Popolo (seguite la stella cometa), il Museo Nazionale delle Tradizioni Popolari (Piazza G. Marconi, 14) e il Museo Tipologico Internazionale del Presepio "Angelo Stefanucci" (Via Tor de' Conti, 31/A, presso Chiesa dei SS Quirico e Giulitta), il Presepio dei Netturbini romani (Via dei Cavalleggeri, 5) e il Presepe animato di Penna in Teverina allestito nel Cortile del Vignola di Piazza Navona (45).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail