Coppie di fatto, ci pensa il Lazio


A breve anche la Regione Lazio sarà impegnata nel riconoscimento delle coppie di fatto. Il Lazio più avanti del Governo nazionale? Sembererebbe proprio di sì a sentire le parole pronunciate dal presidente della Regione Piero Marrazzo, intervenuto su questo argomento con un annuncio.

Non è chiaro se la Regione possa riconoscere giuridicamente ciò che lo Stato ancora non fa. Credo di no. Dai palazzi della Colombo e della Pisana (sedi della Giunta e del Consiglio regionale) stanno emergendo però delle proposte di legge finalizzate non tanto a formalizzare un nuovo status giuridico per le unioni di fatto quanto ad indirizzare anche alle coppie non sposate gli aiuti economici regionali fino a questo momento previsti solo per le coppie con problemi economici ma regolarmente sposate. Non a caso l’assessore al Bilancio della Regione Lazio, Luigi Nieri, ha usato queste parole per descrivere quanto si sta per fare: “E’ necessario costruire una politica solidaristica nei confronti di tutte le coppie che hanno una situazione economica e sociale difficile, sia quelle sposate sia quelle di fatto. Non si possono condizionare gli aiuti pubblici alla sola manifestazione di intenti di sposarsi”.

Messa in questi termini la questione mi sembra logica. Ed anche a confronto ai Dico nazionali questa proposta sembra essere più congeniale. Non si tratta infatti di concedere diritti nuovi ma solo di aiutare famiglie di fatto con problemi economici a gestire la loro vita che, piaccia o no, è del tuto simile a quella di tanti ragazzi che invece scelgono il matrimonio.

  • shares
  • Mail
4 commenti Aggiorna
Ordina: