La suocera di Totti assunta come vigile urbano: un capriccio esaudito?

La notizia è recentemente apparsa su Agenzie di stampa e giornali vari, ma a noi la segnala in un commento un lettore che si firma “zappatores”. Lo stesso commento lo ritroviamo anche sul Blog di Marco Ferri (L’Espresso). Il titolo è emblematico: “Un capriccio esaudito!!”.

Ci si riferisce alla recente nomina a vigile urbano di Roma di Daniela Serafini, madre di Ilary Blasi e suocera del campione del mondo Francesco Totti:

“La signora ha preso una decisione per me inopportuna e di cattivo gusto: occupare oggi a 50 anni un posto di lavoro che sarebbe stato ben più utile ad un'altro cittadino. [...] E’ stata tolta l’opportunità ad un giovane (magari disoccupato) di avere un posto di lavoro che gli avrebbe permesso di realizzarsi nella propria vita. E’ anche con invidia che dico ciò, perché anch'io avevo fatto quel concorso come altre migliaia di giovani [...].

Questi fatti però alimentano il sospetto: che tipo di discrezionalità è stato usato per gestire questa graduatoria rimasta aperta per oltre 10 anni, dalla quale la giunta ha attinto per queste assunzioni grazie ai poteri speciali conferiti dalla legge al Sindaco ??

A vario titolo, sia la diretta interessata che la giunta comunale e gli illustri parenti, sono mancati di sensibilità nei confronti della gente comune, hanno perseverato nel portare a compimento questa inopportuna iniziativa, pessima sia da un punto di vista dell’immagine personale dei coinvolti e criticabile moralmente”.

Che ne pensate?

Foto | Radio Capital

  • shares
  • Mail
22 commenti Aggiorna
Ordina: