Panico da Eataly Roma: uomo armato accoltella chef e personale

Nel primo pomeriggio di giovedì 30 ottobre 2014, la follia di un uomo armato di coltello si scatena su chef e dipendente di Eataly Roma.

Alla notte di Halloween manca ancora qualche ora, ma l'atmosfera terrorizzata è già di casa a Roma e a quanto pare non risparmia neanche il tempio del cibo e della convivialità made in Italy di piazzale XXII ottobre 1942, appena investito dal gesto folle di un uomo armato di coltello.

Erano passate da poco le ore 16.00, al primo piano che ospita diversi ristoranti, quando un dipendente 'modello' del reparto Rosticceria, ha accoltellato uno chef e una guardia giurata che ha tentato di fermarlo, scatenando il terrore dei presenti.

La causa dell'aggressione sembrerebbe legata ad una reazione esasperata alle continue vessazioni avvenute sul luogo di lavoro dal suo capo.

Il tentativo di scappare, intrapreso dal giovane afgano con permesso di soggiorno di rifugiato politico, è stato bloccato dagli agenti della sicurezza interna di Eataly, che sono riusciti a fermarlo tra le urla spaventate dei clienti e del personale.

Gli agenti di polizia del commissariato Colombo lo hanno arrestato per tentato omicidio, richiamati sul posto insieme alle ambulanze del 118 che hanno trasportato il cuoco colpito al torace e la guardia giurata ferita al braccio, negli ospedali San Camillo e San Giovanni.

Panico Eataly Roma - personale accoltellato

  • shares
  • Mail