Atac: dal 2015 più contributi esterni, ore per autisti e aumento degli abbonamenti

Il piano Atac per il 2015 prevede di risollevarsi dalla crisi con l'ennesima riorganizzazione tariffaria che arriva da contributi esterni, multe, parcheggi e abbonamento più cari, insieme a più ore di lavoro per autisti e macchinisti.

stangata Atac 2015 - aumento abbonamenti

Un nuovo riordino e potenziamento della rete di trasporto pubblico di superficie di Centro e Roma Nord sarà operativo da lunedì 27 ottobre 2014, con altre cinque linee soppresse, undici modificate e la nuova linea 51 concepita per aumentare il servizio della pedonalizzazione del Tridente Mediceo partita male, e lo sconto sull'orario dei varchi della Ztl diurna del centro, ma insieme a tagli e riordini, Atac ha in serbo ben altro per risanare le sue interminabili crisi.

In sintesi contributi esterni, aumenti degli abbonamenti e degli oneri per il personale, previsti dall'ennesima riorganizzazione tariffaria che probabilmente non andranno a sfiorare i super stipendi percepiti da uno stuolo di
dirigenti
, “incapaci” di risollevare le sorti della disastrosa azienda di trasporto pubblico, mentre hanno già in serbo più ore di guida per autisti (da 32 a 36 ore medie settimanali di guida) e macchinisti, costretti a raggiungere una condotta effettiva a turno ordinario pari a 900 ore.

«La riorganizzazione tariffaria è contenuta nella bozza di piano industriale della municipalizzata, che mercoledì mattina sarà portata in Commissione Trasporti dall’assessore capitolino alla Mobilità, Guido Improta, e dall’ad di Atac, Danilo Broggi. Un file power point di 34 slide dove i vertici dell’azienda spiegano su quali basi organizzare il risanamento. I presupposti economici sono però riassunti a pagina 4, e si basano ancora una volta sui contributi esterni».

Contributi che, fermo restando «gli attuali corrispettivi da contratto di servizio con la Regione ed il riconoscimento delle agevolazioni tariffarie», arriveranno dai:
- rincari degli abbonamenti che scattano dal 1 gennaio 2015: da 250 a 280 euro per l’annuale, da 35 a 38 euro per il mensile.
- gestione della sosta a pagamento (circa 20mila stalli in più)
- gestione del procedimento sanzioni codice della strada (le multe)
- ridefinizione con la Regione Lazio del corrispettivo unitario per le 3 ferrovie regionali di Giardinetti, Viterbo e Lido (per l'efficenza del servizio prestato, immagino)
- le dismissioni immobiliari, il cui impatto è ancora in fase di valutazione

Foto | Blogo

  • shares
  • Mail