Il palazzo del Marchese del Grillo in vendita: caccia al fortunato acquirente

Non è un "scherzo der Marchese". Le sue stanze hanno ospitato anche lo studio di Renato Guttuso. La dimora seicentesca ha una magnifica vista sui principali monumenti della città.

Tra le sue stanze si respira storia, arte e mito. Sì perché il palazzo probabilmente più prestigioso tra quelli in vendita in città adesso, è legato al famoso Marchese del Grillo, ma ha anche ospitato lo studio di Renato Guttuso. Costruito nel Seicento, ha un costo totale di 6.500.000 euro ed è proposto da Immobiliare.it.

Schermata 2014-10-16 alle 14.13.49

Possiamo subito dire che si tratta di una cifra piuttosto bassa. Per il suo valore, il palazzo appare una vera offerta (anche se evidentemente non posso essere solo 500 mq, quindi non è tutto il palazzo, ma una parte). Perfino di più di quella che fu la trattativa per palazzo Orsini, "dentro" Teatro Marcello. Ormai i palazzi nobili di Roma, sono in saldo.

Dalle finestre si gode della vista sui monumenti storici: dai Fori Imperiali, al Colosseo, dall’Altare della Patria a Palazzo Venezia, senza dimenticare ovviamente il Campidoglio e Via del Corso. L’appartamento un questione, come si legge nella nata diffusa dall’agenzia, si trova

“al piano nobile del Palazzo, per la location in cui è inserito, per le opere d'arte presenti al suo interno tra cui le tele affrescate che decorano i soffitti e le pareti, per i soffitti a cassettoni ma soprattutto per la stessa conformazione della planimetria, risulta perfettamente adatto ad ospitare rappresentanze di grandi società o studi professionali di alto profilo”,

Il Palazzo del Grillo, non è famoso solo per l’omonimo marchese, ma per il giardino interno a più livelli, frutto di menti creative e geniali. Si può osservare “nella parte più alta dell'omonima piazza, di cui costituisce il fondale con un effetto quasi scenografico”.

A livello strutturale, è completato da una facciata e due avancorpi laterali. Come fanno sapere da Immobiliare.it:

“quello di sinistra, è collegato tramite un sovrappasso ad arco detto dei Conti, presenta cinque piani ed ingloba l'antica torre medioevale, interamente conservata, mentre quello di destra presenta tre piani. La torre fu edificata nel 1223 come proprietà dei Carboni, poi dei Conti, finché nel 1675 fu acquistata dai del Grillo che la ristrutturarono nel contesto del palazzo, aggiungendovi l'originale coronamento a beccatelli. L'interno ha numerose sale affrescate nei soffitti, una cappella ed una galleria decorata a stucco”.

Non resta che attendere e cercare di scoprire a quale falco compratore andrà la proprietà. Se ce no sono rimasti. Chissà che ne penserebbe "Er Sor Marchese", de sto "scherzo"...

  • shares
  • Mail