Sagra della Patata: arosta, lessa, rescallata a Leonessa

Il weekend ruggisce a Leonessa con la Sagra della Patata per due giorni a tutto gusto, tradizione e ... patata.

Questo splendido weekend autunnale ha molte cose in comune con quelli estivi, e se state pensando di testarne sapori e profumi una gità fuori porta ne offre una bella varietà, ma solo una è la meta da raggiungere se siete adoratori della patata.

"Arosta, lessa, rescallata. Un piatto cò li fiocchi: lo tartufu cò li gnocchi"

Più che un detto popolare una tradizione locale, per il piccolo borgo reatino di Leonessa che sabato 11 e domenica 12 ottobre 2014, ruggisce con la venticinquesima Sagra della Patata Leonessana, generosamente coltivata e cucinata nella varietà a pasta gialla e pasta rossa, tra le più pregiate del nostro Belpaese.

La grande protagonista di un menù che la esalta come base per gli gnocchi conditi con il tartufo o con il sugo, accompagnati da salsicce alla brace, patate fritte e "rescallate", ovvero lessate e saltate in padella con cipolla e pancetta, mentre le ciambelline di patate fanno da dolce. Le signore a quanto pere sono già al lavoro.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Un menù contadino, tanto povero quanto gustoso, dissetato da vino locale, mentre la grande grande mostra mercato porta per le vie del paese prodotti dell'artigianato e dell'agronomia locale, con formaggi, miele, funghi, tartufi e salumi da degustare, con tanto di ospiti musicali come Nino Frassica e Los Plaggers Band! e inevitabile botto finale.

La regina di una tradizione nata per caso, con un camion di patate fritte arrivato in piazza durante la Festa della Madonna di San Matteo, nel piccolo comune della Comunità Montana Montepiano Reatino, e in un territorio a circa 900 metri sul livello del mare al confine tra Lazio, Umbria e Abruzzo, che ha saputo conquistare la bandiera arancione del Touring Club Italiano con le sue indiscutibili attrazioni naturalistiche, e tutte quelle artistiche offerte dal borgo medievale (protagoniste anche del tour nel video).

Via | Facebook

  • shares
  • Mail