Al Margutta RistorArte c'è la mostra di Francesco Bancheri dal titolo “Lancio Spaziale”

24 opere che sono rappresentative del lavoro dell’artista romano e che invitano i visitatori ad innamorarsi dell’arte di sperimentare attraverso il non convenzionale.

lanciospaziale2

 

La nuova stagione espositiva del gustoso e colto Margutta RistorArte ha preso il via ufficialmente, da un paio di settimane con la mostra di un artista che ha fatto della tecnica del collage mixata ad una nota dada e surrealista, la principale peculiarità della sua carriera.

lanciospaziale

 

Nel locale che propone tra l’altro piatti vegetariani ricercati e creativi, si punta anche e soprattutto alle installazioni artistiche e si comincia con la personale di Francesco Bancheri e la sua “Lancio Spaziale”.

unnamed (96)

 

L’appuntamento per quanti vogliono mangiare bene e anche scoprire lo stile contemporaneo di Bancheri unito all’ironia, al gioco e all’accostamento di mondi quasi opposti, è in via Margutta 18 e ad organizzare l’evento ci ha pensato Tina Vannini con la curatrice Francesca Barbi Marinetti.

bancheri

 

Fino al prossimo 25 ottobre, dunque, si potranno osservare 24 opere legate agli ultimi cinque anni di lavoro dell’artista romano. La passione per la sperimentazione si nota in ogni lavoro e il titolo è legato ad un suo progetto che riguarda il ciclo Le Partenze.

lancio3

 

Quando si parla di Bancheri ci si trova di fronte alla ricerca di nuovi equilibri cromatici, ad alternative sfumature estetiche e ad una concezione del tempo del tutto rivisitata. Le sue radici partono dal Dadaismo e dalla “combinazione spontanea” che diventa nuova regola dell’attività creativa.

Giocare con l’arte ma nello stesso tempo prenderla sul serio e indicarne nuove strade è quanto di meglio possa fare un artista e nella mostra, accanto alla serie Le Partenze, nell’immaginario ci sono uredegli animali che fanno parte di un altro gruppo di opere dal titolo “Ossa”.

unnamed (97)

Dagli elefanti ai leoni, viene mostrato il processo evolutivo degli esseri viventi anche attraverso l’uso della pittura fluorescente che dimostra come al mutare della luce e delle condizioni, un corpo può apparire completamente diverso.

  • shares
  • Mail