Sostenibilità, sicurezza alimentare ed enogastronomia: l’Istituto Svizzero per la tappa romana del Giro del Gusto

La Svizzera che non ti aspetti è passata per Roma per la gioia di noi golosi, amanti della sua cucina, del suo stile e dei suoi vini.

IMG_2803
 

Quando si parla di Svizzera si pensa subito alle banche, agli orologi, al cioccolato, alla neve bianca delle sue Alpi e alle mucche sui prati verdi. Qui a Roma forse anche alle omonime guardie del Papa. Ma raramente se ne conosce l’aspetto enogastronomico, le delizie tipiche a tavola, la sua battaglia sulla sostenibilità e sulla sicurezza alimentare, ed infine la sua cultura vinicola.

La cucina al centro della bandiera rossocrociata, passando dalla sostenibilità e dalla sicurezza, tematiche importanti quanto spesso sottovalutate e se ne è parlato all’Istituto Svizzero di Roma in occasione della seconda tappa del Giro del Gusto, appena conclusa e seguita ad una prima edizione fortunata che ha avuto Milano come location d’eccezione. Sul tema è già previsto un terzo appuntamento che riguarderà il periodo compreso tra il 23 e il 27 ottobre al Salone Internazionale del gusto di Torino.

Un progetto a lungo termine quello della Svizzera, che punta, ovviamente, all’Esposizione Universale di Milano del 2015 e che ha celebrato qui nella Città Eterna, una promozione impeccabile. Una settimana appena passata con un ampio programma d’attività culturali, scientifiche ed economiche.

La Confederazione Elvetica ha aperto i battenti della lussuosa Villa Maraini, suggestiva sede dell’Istituto Svizzero di Roma, regalandoci una mattinata di cultura, conoscenza e soprattutto gusto.

IMG_2807 1
 

Prima di tuffarci nella mitica raclette vallese (che adoro da 20anni e non nascondo di amare quasi quanto i bucatini all'amatriciana), nell’ampia selezione di formaggi, nelle fondute, nelle carni, nei salumi abbiamo avuto l'onore di degustare una decina di vini pregiati condotti per mano (e per i sensi olfattivi/gustativi) dal sommelier pluripremiato Paolo Basso.

IMG_2790 1
 

Una vera epifania. Un viaggio attraverso i cantoni svizzeri che producono vino di altissima qualità. In un crescendo estasiatico di sensazioni e retrogusti. Indimenticabile.

IMG_2791 1
 

"L’Istituto Svizzero è un centro di produzione, riflessione e innovazione tra arte e scienza che, anche con questa settimana di eventi, rafforza i legami dinamici fra Svizzera e Italia" sono le parole del Direttore Michele Luminati: "Villa Maraini, luogo di dialogo e di creazione, diventa il centro di questo dibattito durante la seconda tappa del Giro del Gusto".

IMG_2800 1
 

Gli argomenti trattati spaziano dalla sostenibilità nella produzione alimentare alla «food diplomacy», dal «made in» alla gestione collettiva del territorio fino alla sicurezza alimentare, a cui si aggiungono concerti, letture e viaggi gastronomici.

Un vero e proprio festival della Svizzera che ha accolto personalità di spicco, quali il vice-presidente del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo Michel Mordasini, il Premio Nobel Alternativo 2013 Hans R. Herren, il già citato sommelier Paolo Basso, il fondatore e presidente di Cuisine sans frontières David Höner e gli scrittori svizzeri Arno Camenisch e Roland Buti.

Nel corso del #GirodelGusto romano, sono state organizzate delle conferenze a tema, delle attività culturali e scientifiche, oltre che economiche partendo da uno slogan ben preciso che è “nutrire il pianeta. Energie per la vita”.

Interessante anche l'appuntamento dedicato all’architettura elvetica. Negli spazi esterni del museo MAXXI di Roma gli architetti dello studio Spillmann Echsle hanno illustrato le proprie esperienze progettuali a partire dalla «House of Switzerland», la Casa Svizzera mobile ideata da Presenza Svizzera del DFAE per far conoscere la Svizzera nel mondo.

Visibilmente soddisfatto l’Ambasciatore di Svizzera in Italia, Giancarlo Kessler che ha spiegato qualcosa sui progetti attuali visti in virtù di quelli futuri, a cominciare proprio dall’Expo 2015 nel Padiglione Svizzero:

IMG_2783 1
 

"La tappa romana del Giro del Gusto ci permetterà di riflettere sulla sicurezza alimentare, sulle possibili soluzioni in grado di rafforzare la resilienza dei sistemi alimentari e di valutare il ruolo della cooperazione tra differenti attori, così come l’apporto delle nuove tecnologie. È questo l’obiettivo della conferenza internazionale organizzata nell’ambito di questa tappa, a cui parteciperanno rappresentanti delle organizzazioni internazionali, del mondo scientifico, ed economico".

IMG_2786 1
 

La tappa romana del Giro del Gusto è stata organizzata dall’Istituto Svizzero di Roma, dall’Ambasciata Svizzera in Italia e da Presenza Svizzera del Dipartimento federale degli Affari Esteri in collaborazione con la Rappresentanza permanente della Svizzera presso le organizzazioni internazionali in campo alimentare (FAO, IFAD, PAM).

by @RondoneR - Foto © by Rondone®

Giro del Gusto a Roma - Istituto Svizzero


Giro del Gusto a Roma - Istituto Svizzero

  • shares
  • Mail