Nuda sugli alberi, arriva il calendario 2012 degli Amici di Villa Borghese


Nemmeno è stato ancora stampato che ha già attirato l’attenzione dei media, con tanto di strascico polemico. Gli Amici di Villa Borghese, associazione libera e indipendente che dal 1995 difende uno fra i patrimoni artistici ed ambientali più cari a Roma, hanno scelto la provocazione e la bellezza per far sentire la propria voce. Ancora una volta.

Un calendario con nudi d'autore (foto di Gaetano Mansi che ha prestato il suo lavoro gratuitamente). Le immagini sono state pensate proprio per scatenare l'interesse intorno alla tematica, tanto cara al sottoscritto quanto trascurata spesso in questa città: la tutela degli alberi. E in questo caso quelli secolari di Villa Borghese.

Gli Amici della Villa ne denunciano da anni lo stato di semi-abbandono. Solo ora si sta procedendo al censimento, da cui risultano, ad oggi, 350 alberi monumentali, di oltre 30 specie diverse e di un’età che varia dai 200 ai 500 anni. Occorre essere vigili, perché gli attentati a queste piante non mancano. Sarebbe potuto mancare dal calendario il leccio pluricentenario del Giardino del Lago (su cui si adagia la modella) perché qualche anno fa rischiò l'abbattimento per motivi incomprensibili. Senza contare la battaglia feroce che facemmo tutti per salvare i pini e l'intera Terrazza del Pincio. Ma solo un anno fa, nella Valle degli Antichi Platani con esemplari del ’600, le ruspe erano pronte a scavare per l'Acea.




Ben vengano quindi iniziative creative come questa, che tra l'altro hanno l'eleganza di un'opera di classe, affatto volgare. La storia dello scandalo è tutta da ridere, assomiglia più ad un'astuta manovra di propaganda. La bella modella (Magena Yama, è anche bondage performer!) che si aggirava nuda l'altro giorno per il parco era ed è mille volte meglio di tanti quotidiani ospiti osceni e deturpanti, come i camionbar o i barbari che danneggiano le statue e sporcano ovunque senza pudore e vergogna.

Se proprio si vuole essere un po' pignoli si potrebbe suggerire che magari quando si deciderà di stampare il calendario (cosa piuttosto inutile oggi, molto meglio lasciarlo online) sarebbe il caso di farlo su carta riciclata. Gli alberi apprezzeranno il gesto.



  • shares
  • Mail