Gita fuori porta: nel Lazio è tempo di castagne


Poche, premature e buonissime: sono le castagne, frutto principe dell’autunno finalmente iniziato non solo dal punto di vista astronomico, ma anche dal punto di vista della comune percezione della temperatura. Se questo weekend avete voglia di una gita fuori porta, avrete l’imbarazzo della scelta: tutto il Lazio, infatti, festeggia il ritorno della stagione fresca che ci introduce all’inverno con sagre ed eventi dedicati a castagne e marroni.

Nel bosco di Manziana, ad esempio, per tutto il fine settimana stand gastronomici in cui la castagna è presentata nella sua versione più dolce: castagnaccio e torte con farina di castagne, marmellate e crema di marroni, oltre a enormi bracieri per cuocere chili e chili di ‘callarroste’. E tutt’intorno spettacoli itineranti per grandi e piccini, musica, artisti di strada e stornellatori.

Sempre in provincia di Roma, ci spostiamo a Montelanico, dove da oggi e fino a domenica sarà di scena la XLIX sagra della castagna: un’occasione per riscoprire la cultura locale declinata nelle sue forme più varie. Oltre ad assaggi golosi, infatti, sono in programma mostre e concorsi di pittura estemporanea, visite alla Montelanico sotterranea, esibizioni di sbandieratori, musici e gruppi folkloristici, esposizioni dei lavoretti dei ragazzi delle scuole che hanno partecipato attivamente all’organizzazione dello storico appuntamento e gran tombolata finale.

Nella piazza centrale di Rocca Massima, Latina, vi aspetta invece la 6ª Sagra dei marroni, promossa dall’associazione locale che difende questo importante prodotto, qui proposto in piatti elaborati con prosciutti e salumi vari… ‘cacciati’ in una singolare sfida all’ultimo colpo al palo della cuccagna. Prevista anche la sfilata medievale con tanto di cavalieri e damigella, il torneo di burraco, il primo raduno dei trattori, la sanguigna a calcetto e tante emozioni con il concorso fotografico ‘Ri… scatta il castagno’.

Continua, ininterrottamente dall’8 ottobre scorso per concludersi il prossimo 1 novembre, la Sagra della castagna di Vallerano, Viterbo, prodotto premiato con il conferimento della dop. Tra una bevuta e una caldarrosta proseguono le visite guidate al centro storico e le testimonianze di esperti nella coltivazione e nella lavorazione della castagna che è una delle più rinomate d’Italia.

E infine, se questo fine settimana proprio non riuscirete a scappare dalla città, niente paura: la ‘missione castagna’ vi attende anche nei prossimi weekend di ottobre. Stanno per iniziare, infatti, la 54ª sagra del marrone segnino a Segni, e la Festa della castagna corredata da mercatino a Fregene.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail