Ciclabili Roma: poche e a rischio come l'eco della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile

Ciclabile Tevere

Una ruota storta e un paio di lividi sono il bottino della mia ultima pedalata lungo la Ciclabile Colombo, in piena Eureopean Mobility Week 2011, questo nonostante mi tenga in allenamento con lo slalom e il salto degli ostacoli sulla Pista Ciclopedonale Grotta Perfetta, per intenderci quella con sede sul marciapiede.

In mancanza di una ‘vera rete ciclabile’ e dei 986 chilometri di piste ciclabili promessi dal quadro della ciclabilità, lamentarci dei nostri 110 chilometri su strada e 115 nei parchi ‘a macchia di leopardo’, però sarebbe davvero da irriconoscenti, anche se usarle per uscire dal proprio quartiere e magari andarci a lavoro, richiede una massiccia dose di coraggio, allenamento e spirito d’avventura, facciamo pure sprezzo del pericolo.

Del resto, anche solo per svago, o per arrivare fino al mare, a chi non è provvisto di suddette qualità, ma si mantiene in equilibrio precario lungo il sentiero impervio che segue la nostra mobilità sostenibile, conviene approfittare delle modalità per il trasporto delle bici su bus, metro e treno, visto che anche la Ciclabile Tevere praticamente già finanziata, rischia di rimanere ferma a Mezzocammino ancora per un bel po’.

12 chilometri di pista per congiungere la ciclabile Tevere sud che termina al ponte di Mezzocamino con Fiumicino, e un milione e 700mila euro già stanziati dalla Regione per realizzarli che rischiamo di perdere, se entro il 30 ottobre il dipartimento X del Comune non si decide a presentare un benedetto progetto esecutivo. E questo, con la parata del Campidoglio per la Settimana Europea della Mobilità Sostenibile ancora nelle orecchie, fa veramente inca..are ..

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: