AS Roma: il nuovo stadio a Tor di Valle e le proteste ambientaliste

AS Roma: il nuovo stadio a Tor di Valle e le proteste ambientaliste

Credo che entro un anno si possa arrivare ad un accordo di massima con la AS Roma per la definizione del progetto legato al nuovo stadio ma non posso prometterlo. L'importante è cominciare a parlarne. Ovviamente devono essere stabiliti anche i termini altrimenti tutto resta ipotetico.

Queste le parole del sindaco Alemanno dopo l'incontro dell'altro ieri con Thomas DiBenedetto neo-presidente della squadra giallorossa. Parole che seguono le dichiarazioni già espresse: "Vogliamo dare tutta la nostra disponibilità alla nuova società, soprattutto per quanto riguarda lo stadio". Un nuovo stadio per Roma: già, ma dove?

Il luogo designato sarebbe l'ippodromo di Tor di Valle. Quattro anni di tempo per completare i lavori, visto che DiBenedetto (parola del sindaco) "vuole fare in fretta e che vuole uno stadio che faccia paura alle squadre avversarie. Non certo per la violenza ma per la forza dei tifosi". E' stato però trascurato - avevate dubbi? - un 'piccolo' dettaglio: Tor di Valle infatti, è oggetto di interesse di una cordata di immobiliaristi romani che vuole trasformarlo in "un impianto moderno adeguato alle nuove esigenze tecnicospettacolari a costi di gestione contenuti".

C'è da tempo un piano B. Il "Pescaccio": un'area in zona Massimina che - guarda caso - è di proprietà dello stesso Luca Parnasi che guida la cordata per la riqualificazione dell'ippodromo. Un'area già proposta al Comune di Roma, con tanto di centro commerciale annesso. A questo punto arrivano le proteste di Legambiente che definiscono l'operazione una "Mandrakata" di Proiettiana memoria. Scambio di sedi: stadio a Tor di Valle e ippodromo al Pescaccio. Più la richiesta di modifica del Piano di tutela paesaggistica regionale per adeguare i 14000 metri cubi dell'area dell'ippodromo al nuovo progetto. Noi vi lasciamo alle vostre considerazioni con un'ultima dichiarazione del sindaco Alemanno. Fatene buon uso.

A noi non interessa chi sarà il costruttore di questi nuovi stadi ma cosa si va a costruire. A noi interessa la città e il miglior progetto possibile. L'idea di un nuovo stadio deve essere vissuta in maniera positiva senza strumentalizzazioni di sorta e senza nessun tipo di sospetto

  • shares
  • Mail
16 commenti Aggiorna
Ordina: