Mare del Lazio da bollino rosso, “fuorilegge” il 75% dei prelievi effettuati da Goletta Verde

Il battello di Legambiente e il suo viaggio analizzando il mare e le acque italiane. Il litorale laziale ne esce male. Siamo fra le peggiori regioni del Paese per inquinamento.

slide-goletta-analisilazio


Brutto colpo per il Lazio. Dopo i promossi di Guida Blu arrivano i bocciati di Goletta Verde. La pagella è sempre di Legambiente. Con qualche confusione di uniformità, occorre aggiungere.

Dall’esito dei monitoraggi di Goletta Verde, comunque, sui 24 campionamenti effettuati lungo i 329 chilometri del litorale laziale, ben 18, cioè il 75%, presenta un’altissima concentrazione di inquinamento microbiologico.

Le acque analizzate dal laboratorio mobile hanno evidenziato presenza di scarichi non depurati adeguatamente con presenze di valori di escherichia coli ed enterococchi intestinali ben al di sopra dei valori consentiti dalla normativa vigente.

Particolarmente critici i prelievi effettuati in prossimità di foci di fiumi, torrenti e canali. Su 13 dei 18 punti riscontrati, il giudizio è addirittura di “fortemente inquinato”.

Il responsabile scientifico di Legambiente Giorgio Zampetti aggiunge:

"Le criticità sono state riscontrate in gran parte delle regioni italiane Abruzzo e Marche hanno la maggior percentuale di punti critici, l’88 e l’83%, seguite da Calabria (79) e Lazio (75)".

Guardiamo la mappa. Rilievi negativi alle foci sul litorale nord, da Santa Marinella a Marina di Cerveteri, dal fiume Marta a Tarquinia ai canali di Montalto, aree a rischio a Ladispoli, Fiumicino e Ostia (causa Tevere), Anzio e Nettuno. Male anche a Sud con 5 campioni non a norma su 9 prelevati in provincia di Latina, casi registrati alle foci di canali a San Felice Circeo e Gaeta, bocciate le acque della spiaggia di Gianola a Formia e Marina di Minturno.

Schermata 2014-08-17 alle 08.25.15

Dunque non è stato fatto alcun passo avanti rispetto allo scorso anno, anzi, la situazione, se possibile, è perfino peggiorata. Legambiente chiede quindi alla Regione Lazio ed alle amministrazioni comunali di provvedere immediatamente per risolvere questo grave deficit depurativo.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: