AAA cercasi coinquilino ex universitario. Colpa del caro affitti a Roma

monolocale

Il caro affitti torna a mordere – ma ha mai smesso di farlo? – a Roma, da sempre ai primi posti nelle periodiche classifiche delle città italiane che presentano i costi più alti per affittare una stanza o una casa. Tanto che ormai anche i single trentenni e gli ex studenti che ormai hanno un loro impiego inventano i modi più diversi per cercare di diminuire le spese per l’alloggio.

In città si torna alla condivisione, ad esempio, come segnala Idealista.it, portale di annunci immobiliari. Scelta quasi obbligata visti i prezzi di monolocali e stanze singole nella nostra città.

Crescono dell’85 per cento l’offerta di stanze da condividere e del 327 per cento le richieste di chi non può permettersi di sborsare i soldi dell’affitto di una camera in solitaria, nonostante gli anni di università siano magari da tempo lasciati alle spalle.

Scelta comprensibile, visti i prezzi: non si condivide solo il monolocale ma addirittura una stessa stanza, il cui costo a Roma oscilla fra i 400 e i 700 euro. Ci supera, in Italia, solo Milano (500-800 euro). Conviene forse condividere un monolocale, dormendo a turno sul divano magari: roba da anni ’50, in effetti.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail