Traffico e inquinamento a Roma: il nuovo Piano Anti-Smog da novembre a marzo

Traffico e inquinamento a Roma: il nuovo Piano Anti-Smog da novembre a marzo

Siamo ancora oltre quelle che sono le disposizioni europee (nonostante Roma sia passata dalle 141 giornate da bollino rosso del 2006 alle 38 dello scorso anno) e il Dipartimento all’Ambiente ha quindi approvato il nuovo piano anti-smog per la Capitale: da novembre a marzo, nuove misure per il controllo della qualità dell'aria. Vediamo quali.

Si inizia con due parametri severi che impongono limiti alla circolazione: non solo il bollino rosso scatta già il secondo giorno in cui vengono superati i livelli consentiti di polveri sottili (e non più il terzo), ma verrà adottato anche se saranno registrati valori fuori misura da una sola centralina. Estesa inoltre la lista dei veicoli inquinanti che non potranno circolare all’interno dell’anello ferroviario.

Il Dipartimento ha quindi previsto una serie di interventi divisi in tre categorie: misure d’emergenza, provvedimenti programmati e provvedimenti permanenti. Blocco del traffico nella fascia verde dalle 7 e 30 alle 20 e 30 per i veicoli più inquinanti (autoveicoli a benzina Euro 0-1, diesel Euro 0-1-2, ciclomotori e motoveicoli a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi Euro 0-1) quando le stazioni di rilevamento dell'Arpa registrano valori fuori misura e temperatura dei termosifoni che non dovrà superare i 18°. Se la situazione di criticità permane, targhe alterne in fascia verde a partire dal sesto giorno dalle 7 e 30 alle 12 e 30 e dalle 16 e 30 alle 20 e 30.

Provvedimenti programmati: si inizia con quattro domeniche di blocco totale dei veicoli a motore nella Fascia Verde tra le 7 e 30 e le 12 e 30 e tra le 16 e 30 e le 20 e 30 mentre potranno circolare i veicoli elettrici, ibridi e a metano. Aree pedonali e campagne di sensibilizzazione per promuovere le auto elettriche organizzate dal Comune di Roma, con l'aumentano delle categorie dei veicoli considerati più inquinanti. Anello ferroviario off-limits dal lunedì al venerdì anche ai veicoli bloccati durante i provvedimenti d’emergenza: autoveicoli benzina Euro 0-1, autoveicoli diesel Euro 0-1- 2, ciclomotori e motoveicoli 2 e 4 tempi Euro 0-1, tricicli e quadricicli (microcar incluse, quindi) diesel Euro 0-1.

Infine, iniziano a novembre - ma del prossimo anno - una serie di interventi permanenti che prevedono il divieto di ingresso e circolazione all’interno dell’anello ferroviario per le categorie di veicoli più inquinanti che racchiudono sia quelle previste dagli interventi emergenziali che da quelli programmati. Basteranno tutte le misure considerati i problemi strutturali della città o serviranno solo a concentrare il traffico romano in altre zone? Staremo a vedere.

  • shares
  • Mail