San Lorenzo e Pigneto, in arrivo telecamere anti-spaccio. Marino: "Tolleranza zero"

Tempi brevi per l'installazione: 30 giorni al massimo

Telecamere installate nei quartieri di San Lorenzo e al Pigneto è questo uno dei provvedimenti presi dal Comune di Roma per porre un freno allo spaccio di droga che sta prendendo sempre più piede in quelle zone. Ad annunciarlo lo stesso Ignazio Marino al termine di una riunione in Prefettura del comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza tenutosi alla presenza del prefetto Giuseppe Pecoraro e del questore Massimo Maria Mazza.

Dopo l'iniziativa degli sms anti-spaccio ove segnalare -in forma anonima- la presenza di spacciatori il "Piano Roma Capitale Sicura" si espande e introduce la videosorveglianza, d'altronde Marino lo aveva già ipotizzato oltre un mese fa durante la presentazione del piano sicurezza della Capitale e oggi, stando a quanto dichiarato, si appresta a realizzare l'idea che aveva avuto ispirandosi al modello inglese:

Sul modello di Londra, seppur in proporzione visto il nostro livello di risorse, nelle prossime settimane installeremo telecamere a San Lorenzo e Pigneto a spese del Comune per contrastare lo spaccio della droga che infesta questi quartieri. In questo momento il Comune vuole tolleranza zero

I tempi di realizzazione saranno strettissimi, al massimo trenta giorni, giusto il tempo di individuare esattamente le strade e le piazze dove installare le telecamere:

In questo modo vogliamo aiutare le forze dell'ordine attraverso la dissuasione che le riprese determineranno su chi spaccia e su chi acquista la droga

Marino annuncia dunque che non ha alcuna intenzione di mollare la presa e di andare avanti nella sua battaglia e assicura che nonostante le telecamere continueranno comunque ad esserci "azioni molto severe da parte delle forze dell'ordine nei confronti della malavita e degli spacciatori che infestano come una malattia questi due quartieri"

sanlorenzo

 

 

 

  • shares
  • Mail