06blog 6 tu: Lo scempio al Gianicolo

06blog 6 tu: Salotto Gianicolo esempio di degrado romano

So già che molti non saranno d'accordo con questa denuncia. Ma io la capisco e non condivido lo spirito. Romantico, soprattutto. Ad ogni modo questo è il vostro spazio, e noi non facciamo altro che ricevere e pubblicare. Parola a Simone.

Il Gianicolo è un luogo magico per i cittadini romani. Meno accessibile del Pincio, è la terrazza dove guardare il tramonto capitolino in modo tranquillo. La luce è unica sui tetti. Per molti di noi è stato il luogo eletto per un bacio particolare, quello in cui finire una serata romantica. San Pietro in montorio, il Fontanone, il parco con i busti ed infine la terrazza, al cospetto di Giuseppe Garibaldi.

Ieri sera passeggiando sulla terrazza come amo fare d'estate, ho provato vergogna e sgomento. Sulla terrazza, che credevo "inviolabile" è stato infatti posto un grosso locale prefabbricato, adibito a wine bar. Uno scempio. Come mettere un locale prefabbricato a fontana di trevi, a piazza San Pietro, al Pantheon, etc.. Luoghi sacri ed intoccabili della bellezza immortale di questa città.

06blog 6 tu: Salotto Gianicolo esempio di degrado romano
06blog 6 tu: Salotto Gianicolo esempio di degrado romano
06blog 6 tu: Salotto Gianicolo esempio di degrado romano

Un locale banale e rumoroso, a cui è stata data l'autorizzazione a stazionare sul suolo pubblico senza rispetto alcuno per il parco del Gianicolo e la terrazza, e per le persone che vogliono godere di questo esempio straordinario di architettura urbana e simbolo della città.

Un locale contornato da macchine da esposizione, come fosse un'autosalone di periferia. Con addetti all'ingresso che con maleducazione e rumorosamente censiscono chi è degno o meno di entrare. Allontanando i "non abbastanza eleganti".

I vigili latitanti non controllano la marea di macchine che senza rispetto per i parcheggi invadono selvaggiamente ogni angolo. La terrazza così usufruibile solo in parte, si trasforma in una piazza da mercato dove affittare i posti al miglior offerente con il beneplacito di qualche assessore capitolino. (Terrazza tra l'altro dove già da tempo stazionano due camionbar, degni nemmeno di un raduno in un campo di patate)

Una cosa che grida vendetta. Di questo è capace la giunta capitolina? La giunta di destra che aspettava di governare Roma da 50 anni per ristabilire il minimo rispetto della legalità e del benessere dei cittadini? Siamo davvero così poco consapevoli e vogliosi di preservare la bellezza di questa città? Coloro che ci governano, così a cuor leggero possono violare spazi che appartengono a tutti? Il senso civico dei romani non riesce a non scadere nemmeno in luoghi così belli?

Allora sì, ci meritiamo una città così. Dove ognuno con anarchia e disprezzo per gli altri parcheggia, guida, occupa il suolo pubblico, non ha rispetto per niente. L'Europa, il mondo corrono.. migliorano. Roma resta al palo, mediocre ed incapace di migliorarsi. Peccato.

Simone Tetti

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: