La settimana dei Municipi: bilancio approvato, da dove si comincia?!


I soldi non crescono sugli alberi (e nemmeno nei vasi, non fatevi ingannare dalla foto): questo, in estrema sintesi, il senso del bilancio finalmente approvato da Roma Capitale e che, a sentire molti, dovrebbe sbloccare anche alcune questioni in sospeso in giro per i Municipi.

E a proposito delle 19 miniamministrazioni capitoline, il bilancio assegna loro quasi 100 milioni di euro, riservati in via particolare a quelli più periferici e da destinare soprattutto alla manutenzione stradale, a quella delle scuole e a quella degli spazi verdi: importanti punti di aggregazione per i più giovani come per i più anziani, in una parola, sono fondi per migliorare la qualità della vita dei cittadini.

Ma sarà davvero così? Entriamo nel dettaglio: il bilancio di previsione 2011 di Roma Capitale è stato licenziato con 28 voti a favore, 17 contrari e un astenuto. La manovra è da 9,8 miliardi di euro: oltre 4,5 di spesa corrente e il restante di investimenti, che sono per 1,7 miliardi fondi pubblici e circa 3,1 fondi privati.

Al bilancio, ha fatto sapere l’assessorato di competenza, è stata affiancata una manovra da 388 milioni di euro per equilibrare entrate e uscite, costituite dai contributi di soggiorno e dal recupero delle evasioni fiscali, nonché dai risparmi sulla gestione del personale e dalla razionalizzazione degli oneri per beni e servizi.

A tutto questo si aggiungono gli 8 milioni specificamente stanziati per il Piano per gli investimenti per i Municipi del quale scrivevamo la settimana scorsa, e tre milioni come contributo al sostegno della candidatura di Roma alle Olimpiadi del 2020, che costituisce il fulcro del progetto strategico di sviluppo della città.

Quanti soldi… ma saranno davvero così tanti? E soprattutto: saranno abbastanza? Vediamo cosa ci si può fare, prendendo spunto solo dalle segnalazioni di questa settimana… Prima destinazione, abbiamo detto, la manutenzione stradale: nel Municipio II si continua a chiedere a voce sempre più alta la messa in sicurezza della collina Parioli, mentre a Monteverde, nel Municipio XVI, un albero è caduto su un’auto parcheggiata sfiorando tre passanti, per fortuna rimasti illesi. Tragedia scampata e la colpa è proprio del manto stradale e dei marciapiedi, rifatti due anni fa solo fino a metà della via, poi sono finiti i soldi.

Stesso argomento, altro Municipio, il IV, il più popoloso d Roma, dove per tutta l’estate si alterneranno cantieri nelle maggiori arterie stradali dell’area per il cambio della pavimentazione. Si parte da via dei Prati Fiscali.

Poi, abbiamo detto, la scuola. Nel Municipio X si stanno concludendo i lavori per un nuovo plesso scolastico composto da 19 classi: 10 per la primaria, 6 per le medie, più aule laboratorio, la palestra, l’auditorium e la mensa. A settembre si apre, ci sono già 70 iscrizioni, ma l’ufficio regionale ha autorizzato solo 3 classi elementari e senza tempo pieno.

Sul verde pubblico, questa settimana, non ci sono notizie, ma ci permettiamo di dire che in una città ci sono molte altre esigenze: ad esempio, le assunzioni degli idonei in graduatoria nel comparto dei servizi sociali, sospese proprio per l’approvazione del bilancio, come ha segnalato Andrea Catarci, il presidente del Municipio XI.

E noi, invece, segnaliamo la mozione contro la chiusura di Villa Fiorita, presidio sanitario del Municipio I e contro la casa di riposo Roma 2 che sta, invece, nel Municipio IV, la denuncia dello stato di totale abbandono in cui versano le spiagge libere del Municipio XIII, il traffico ormai congestionato del Municipio XVII, che richiede un intervento urgente che probabilmente comporterà altre spese. E tutto questo in una sola settimana

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail