"Attenti a non pagare le multe altrui" : la nuova frontiera della truffa romana

A dare l'allarme il Presidente del Sulpl, Stefano Giannini


Sapevate che esiste un modo per non pagare le multe? Prima di rallegrarvi, sappiate però che è completamente illegale.

Il Sindacato Unitario lavoratori polizia locale ha segnalato, infatti, che in questi giorni stanno sopraggiungendo numerose segnalazioni su un metodo attuato da alcuni furbetti a discapito di altri onesti cittadini.

A spiegare come viene messa in atto la truffa è Stefano Giannini, segretario romano del Sulpl

si tratta di un sotterfugio molto semplice che punta alla fretta ed alla distrazione dei cittadini: basta ricalcare con una penna il preavviso, modificando la targa sulla propria contravvenzione, lasciarla poi sotto il parabrezza di un’auto vicina ed il gioco è quasi fatto

l'ignaro automobilista, convinto di aver preso la multa si affretta cosi a pagarla entro 5 giorni in modo tale da usufruire dello sconto del 30% ma in realtà paga la contravvenzione presa da qualcun altro.

A questo punto -direte voi- al momento del pagamento i sistemi faranno un incrocio di dati e riconosceranno che chi sta per pagare in realtà non è colui che ha preso la multa.

E invece no, sia il sistema di Poste Italiane che di Lottomatica hanno questa "falla"

Non esiste al momento, secondo quanto siamo a conoscenza, uno strumento di difesa del cittadino al momento del pagamento come il fornire la propria targa per un successivo controllo incrociato pertanto invitiamo i cittadini a verificare con attenzione i preavvisi di sosta lasciati sui veicoli prima di pagare

multa1-470x270
  • shares
  • Mail