Incontri Tour: pedalando alla ricerca delle botteghe storiche di Roma

Incontri Tour Sanpellegrino ha fatto tappa anche a Roma. Abbiamo partecipato, per conoscere da vicino alcune botteghe storiche della città. Scopritele con noi.

Sfidando bombe d'acqua o botte di caldo mitologiche, abbiamo deciso di partecipare alla bella iniziativa di Incontri Tour Sanpellegrino, il tour in bicicletta a sostegno delle eccellenze del Made in Italy.

IMG_0614

Da piazza del Popolo 4 gruppi diversi sono partiti di buon'ora per 4 percorsi diversi nelle strade del centro storico con alcune soste per incontrare, conoscere, parlare con artigiani e proprietari di botteghe storiche della città.

IMG_0622

La mission del progetto è intrigante. Esistono infatti, nelle più belle città italiane, delle botteghe storiche (sartorie, pasticcerie, forni, ferramenta, macellerie, gioiellerie…) che da oltre cento anni aprono ogni mattina. Il loro punto di forza sono i prodotti di qualità e originalità, simbolo di un’eccellenza, conosciute spesso nel mondo, ma a volte ignorate dagli stessi abitanti di quelle stesse città. Sanpellegrino vuole dunque invitare gli italiani a conoscerle, attraverso “incontri che non ti aspetti” capaci di raccontare un’Italia diversa.

IMG_0623

Io sono finito, manco a dirlo, nel gruppo "stampa", verde in tutti i sensi, eterogeneo e curioso. La prima fermata è stata quella da Franchi Argentieri in via Tor di Nona, al civico 60?.

IMG_0637

Già per scovarla, dobbiamo ammetterlo, bisogna essere romani doc, la via è quella quasi "segreta" che corre sotto il lungo Tevere, fra murales e sampietrini. La storia della bottega inizia nel 1944, quando Adolfo Franchi inizia la sua attività come apprendista, per poi divenire proprietario nel 1968.

IMG_0639

Franchi Argentieri raccoglie l’eredità della Scuola Orafa di Roma e ancora oggi dalle mani di esperti orafi e argentieri escono pezzi unici. La Franco Argentieri vanta tra i suoi clienti persino Benedetto XVI, per il quale è stato realizzato il prezioso Anello del Pescatore. Ci raccontano con poesia e passione qualche opera particolare, come il "nasone", simbolo di Roma nonostante il tempo che corre. E sulle salite li ritroveremo a dissetarci.

IMG_0629

Si riparte, risalendo verso i Coronari e quindi puntando a via di Panico dove, al numero 40, si trova un vero pezzo di storia artigianale di Roma: Franco er marmista.

IMG_0657

Franco Russo, conosciuto da tutti come “Franco er marmista”, è il gestore di questo antico negozio aperto nel 1860. Mastro Artigiano, è riconosciuto come un esperto di Restauro, tanto da ricoprire il ruolo di sovraintendente al restauro del pavimento del Museo Borghese.

IMG_0647

Insieme al figlio Aldo, Franco porta avanti una tradizione antica. La bottega, ci spiega proprio il figlio, è specializzata nel restauro di busti, tavoli, pannelli d'arredo, tutti realizzati con il marmo romano, materiale prezioso ed unico importato per la prima volta a Roma dagli Antichi Romani.

IMG_0653

E' sempre Aldo che ci accompagna nel negozio dove vendono oggetti d'arte e pezzi di antiquariato. Lì scopriamo come la bellezza di questi marmi sia quasi ipnotica, ma anche come la crisi abbia messo con le spalle al muro tutto il mondo delle botteghe del settore che una volta dominava il quartiere.

IMG_0656

Il luogo è comunque talmente colorato e suadente che un aperitivo rinfrescante sembra quasi d'obbligo.

Ma è il momento di rimettersi in sella, attraversando il Pantheon e piazza di Spagna, per raggiungere via Margutta 50, e decisamente il mio angolo preferito, una sorta di oasi di pace e di verde nel caos romano, per conoscere Angelo Rosa della Margutta Restauri.

IMG_0684

L'Arte del Restauro, nasce raccogliendo l’eredità della bottega artigiana di falegnameria e ebanisteria fondata nel 1942 da Umberto Rosa. Nell’immediato dopoguerra, e precisamente nel 1947, la sede viene spostata negli attuali locali di Via Margutta, in un cortile che sembra una serra, nobile e silenzioso. Ora il titolo è Giuseppe Rosa e C., non c'è il sito, ma ecco il tel. 06/3614055.

IMG_0682

Dentro, il profumo del legno, la sensazione del tempo ritrovato, immobile da quasi mezzo secolo, fanno girare la testa. Sembra di essere in un romanzo di Flaubert.

IMG_0677

Romanticismo, stima, quasi invidia per questo lavoro e questa bottega, che soffre come le altre, i tempi paradossali di una crisi: "preferiscono vendere mobili antichi, di valore inestimabile, per comprarsi produzioni commerciali, con la scusa del design, che non saranno mai unici come questi".

IMG_0678

Torniamo alle biciclette, per le ultime pedalate in salita, verso il Pincio, e nella adeguata cornice di Villa Borghese, presso la Casina Valadier in piazza Bucarest.

IMG_0694

Gli altri gruppi sono passati, tra gli altri, dal Laboratorio Artigiano Sorelle Antonini, che ha vestito molte attrici tra cui Isa Miranda e lavorato con alcuni importanti firme come Sarli e Gattinoni, l’Antica Erboristeria Romana, alle cui 350 varietà di piante officinali il poeta romano Giuseppe Gioacchino Belli dedicò un sonetto, l’orologiaio Francesco Morelli, la cui bottega è stata fondata nel 1950 da Ofelia Ricci, che scelse il centro storico della Capitale, e più precisamente via Francesco Crispi, per aprire un negozio che avrebbe fatto la storia dell’orologeria romana, il bar pasticceria Pasquarelli, la mitica Collalti Bici di Danilo e l'istituzione della Sala da Tè Babington's.

IMG_0695

L’impegno di #IncontriTour Sanpellegrino è valorizzare un patrimonio che nessuno potrà mai clonare e costruito negli anni dal genio, dalla creatività e dall’intelligenza italiana. Milanesi, palermitani, bolognesi e romani hanno dunque l’opportunità di guardare le proprie città con occhi nuovi e imparare i segreti che permettono a storiche botteghe di continuare a vivere nel tempo.

Barbara D’Amico, group brand manager Sanpellegrino, spiega:

“Abbiamo voluto realizzare questa iniziativa perché la valorizzazione del Made in Italy è un impegno che noi perseguiamo con passione e costanza Portare i romani alla riscoperta dei tesori nascosti delle loro città significa riabbracciare la tradizione e prendere coscienza di quello che il mondo ci invidia. Dalla creatività al gusto per il buon cibo e il buon bere, attraverso Incontri Tour vogliamo far riassaporare quello che di meglio il nostro Paese ha da offrire”.

Noi aggiungiamo che i nostri lettori si sono subito mostrati molto interessati e incuriositi.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Ovviamente i partecipanti hanno potuto gustare rinfrescarsi anche assaggiando le quattro varianti della gamma Incontri delle Bibite Sanpellegrino: Limoni di Sicilia e Infuso di Menta Piperita del Piemonte, Arance e Fichi d’India di Sicilia (davvero ottima!), Pompelmi del Mediterraneo e Fiori di Sambuco Italiani e Acqua Tonica con in fuso di Scorze di Limone Costa d’Amalfi I.G.P. e zucchero grezzo di canna.

Ad accompagnare i partecipanti per le strade della città son state le biciclette di Montante Cicli, azienda italiana che da quasi 100 anni produce non dei semplici mezzi a due ruote, ma delle vere e proprie opere d’arte, curate in ogni più piccolo dettaglio.

IMG_0616

Incontri Tour, dopo essere passato per Palermo e Milano, tappa in cui la madrina d’eccezione è stata proprio la romana Cristiana Capotondi, continuerà a Bologna il 28 giugno.

Incontri Tour a Roma

by @RondoneR - Foto e video © by Rondone®

  • shares
  • Mail