Via Frattina, Polizia arresta ambulante abusivo e la gente gli si rivolta contro [VIDEO]

L'episodio ripreso da un telefonino di un passante è finito in rete scatenando numerose polemiche


Un venditore ambulante di origine senegalese è stato fermato sabato mattina, 21 giugno 2014, dalla Polizia Locale di Roma Capitale in via Frattina, nel cuore della città.

Il giovane era intento a vendere borse contraffatte su strada e senza alcuna autorizzazione, quindi -per la legge italiana- colto in flagranza di reato. Questo basterebbe per poter quantomeno fermare e portare in caserma chiunque. Se non fosse che l'episodio della mattinata di sabato è stato ripreso con un telefonino da qualche passante che ha poi condiviso il video su Facebook che in poco tempo è diventato virale scatenando numerose polemiche.

Nel video (che potete vedere ad inizio post) si vedono i due agenti della Polizia Locale che cercano di mettere le manette al venditore abusivo il quale però oppone resistenza e costringe gli agenti ad utilizzare un po' di forza. In tutto questo, si sentono i passanti che urlano "non gli fate male", "piano", altri cercano di fare ragionare il ragazzo dicendogli che così facendo peggiora solamente la situazione, qualcuno invece se ne esce pure con "ma tutto questo perchè? che stava a fa di male?". La situazione torna alla calma quando poi il giovane alza le mani e si arrende.

Prendere una posizione in casi del genere risulta quasi sempre abbastanza difficile perché se ti azzardi a commentare quel video dicendo che, finalmente, in una Roma piena zeppa di venditori ambulanti abusivi che invadono i luoghi storico-artistici più importanti, la Polizia fa il suo lavoro ripristinando la legalità, rischi di essere tacciato di razzismo. Da un altro punto di vista, invece, guardando quel video si potrebbe benissimo pensare che la Polizia se la prende con le persone sbagliate che non fanno nulla di male, che il problema sono le organizzazioni criminali che stanno dietro agli abusivi e che "è facile prendersela con i più deboli". Ma un reato è reato. Anche se da altre parti c'è di peggio. Questi, in sintesi, sono anche la valanga di commenti che il video ha scatenato.

Certo il cittadino romano però dovrebbe pure decidere da che parte stare: perchè sentirsi dire -mentre stai facendo il tuo lavoro in maniera dignitosa- "lasciatelo stare", "non fategli del male" come stessero braccando o picchiando un povero innocente, non aiuta per nulla. Anzi.

Quelle persone che nel video danno addosso alla Polizia, hanno perso automaticamente il diritto a lamentarsi per una qualsiasi cosa.

Polizia Roma 21 06 2014 Via Frattina   YouTube

  • shares
  • Mail