Parcheggiare i motorini nelle strisce blu senza pagare: ora si può

Parcheggiare i motorini nelle strisce blu senza pagare: ora si pu�²

La legge c'era: i motorini parcheggiati entro le Strisce Blu erano soggetti al ticket, così come le automobili (visto che per ogni posto a pagamento, vengono predisposti dei parcheggi gratuiti per i ciclomotori). Poi c'era quella non scritta. Quella legata all'impressionante numero delle due ruote nella Capitale (600 mila scooter, 143,7 mezzi per mille abitanti): i motorini possono parcheggiare ovunque, gli ausiliari del traffico che 'chiudono un occhio' e gli interstizi affollati tra le automobili.

Da qualche settimana invece, inversione di tendenza: multe salate e a tutto spiano. La legge c'è e le casse dell'amministrazione sono vuote dopo lo scandalo Parentopoli. Insurrezione popolare e politica: i parcheggi gratuiti sono appena ventimila, impossibile sostenere l'invasione quotidiana delle due ruote. E' a questo punto che arriva il colpaccio del sindaco Alemanno. Una delibera (presentata mercoledì e operativa al massimo dal prossimo lunedì) che:

modificherà il regolamento approvato dalle precedenti amministrazioni che non consentiva la sosta ai ciclomotori all’interno delle strisce blu [...] considerata l’importanza che nel traffico di Roma hanno le due ruote [...] in molte aree della Capitale è difficile trovare spazi alternativi e quindi da questo punto di vista non soltanto dobbiamo autorizzare questo parcheggio ma non possiamo pretendere nessun tipo di pagamento

Incentivare l'uso dei mezzi pubblici? Velocizzare lo stato dei lavori delle nuove linee della metropolitana? No: piuttosto aumentare la possibilità di parcheggiare - e inquinare - ovunque, in una città seconda in tutto il mondo solo a Mumbai per numero di motocicli. D'altronde i centauri sono pur sempre elettori con il casco (ancora da vedere cosa accadrà con le minicar). Voi cosa ne pensate? E' una delibera giusta? Votate nel sondaggio.

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: