Roma vista dai giornali stranieri. Che delusione (per ora) il Colosseo

colosseo L'articolista del mensile americano The National Interest mostra un'opinione che a migliaia di turisti che visitano il Colosseo rimarrà nella testa a lungo, una volta tornati a casa: che spettacolo mozzafiato il profilo del Colosseo. E che delusione, una volta che se ne esce fuori.

Il motivo è presto detto: innanzitutto il fatto che (per ora almeno, prima del previsto restauro) dentro sia difficile immaginare il clima che dovevano vivere gli spettatori dei “violenti spettacoli di uomini e bestie che combattono” nella stessa arena.

Il risultato? Che si abbia l'impressione che il Colosseo non sia più che una “rovina” poco attraente e suggestiva. Per ora, almeno, prima del previsto restauro che promette “meraviglie” e che ha avuto eco in tutto il mondo.

In secondo luogo, però, il “restauro” non risolverà un altro grosso problema, che impedisce una migliore valorizzazione di uno dei monumenti più famosi e amati dall'umanità (come rilevava una recente ricerca di Tripadvisor).

Il grosso problema è il caos di centinaia di persone che bivaccano sul prato antistante, oltre ai chioschi che ti vendono “l'acqua minerale più costosa dell'emisfero occidentale”, come leggiamo nell'articolo (e chi può negarlo).

Per non parlare dei centurioni con le spade di plastica che ti assediano per una foto a pagamento e a cui nonostante tutto, ammette l'autore, i turisti non sanno resistere. Forse solo per il fatto che con la loro bonomia romanesca (e un po' manesca, visto come se li strizzano e se li abbracciano) i centurioni sanno strappare loro un sorriso.

  • shares
  • Mail