Gita fuori porta: a Celleno per la Festa della ciliegie


Sapore di ciliegie questo fine settimana a Celleno, ridente paesino con un nucleo antico pressoché disabitato e forse per questo incantevole, nella provincia di Viterbo. La XXV edizione della Festa delle ciliegie, infatti, si svolge tra il borgo antico e la città moderna, in un continuo connubio di suggestioni tra passato e presente.

Domani si comincia intorno alle 17 con la sfilata con i costumi tradizionali animata dai Teli del Palio e dalla banda musicale locale e, a seguire, degustazione guidata di questo prelibato frutto rosso e succoso con tanto di premiazione della migliore ciliegia dell’anno 2011.

La serata prosegue con inediti binomi del tipo “ciliegia, birra e …” dove dopo la e non è dato sapere cosa c’é.. mi sa che tocca andarci per scoprirlo e infine l’aperura della pista di pattinaggio, l’esibizione di Aikido e musica con il concerto del gruppo La Tresca.

Domenica si entra ancora di più nel vivo della festa, tra mostre di disegni e spettacoli di danze popolari, stand gastronomici e majorettes. Nel pomeriggio l’attesissima sfilata di carri allegorici e il 12° torneo di sputo del nocciolo; per finire crostatona da Guinness offerta dalla popolazione per una gustosa e sana merenda insieme che precede un’originale cena ai “Sapori di ciliegie”, con mille e una ricetta.

Celleno sorge su un insediamento molto antico, probabilmente era abitata già nel Neolitico, poi, anche qui, la storia si ripete con i Romani che cacciano via gli Etruschi per arrivare in tempi recenti al solito castello dei soliti Orsini.

L’etimologia del nome sembra derivare dal latino cella, che indica proprio le caratteristiche di questo territorio tufaceo, ricco di cavità, cantine e anfratti che conferiscono alla cittadina, soprattutto alla sua parte vecchia, l’aspetto caratteristico.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: