Sciopero: Manifesti funebri e bare di cartone alle fermate Atac di Roma

Azione di protesta contro i disservizi Atac: Mini bare di cartone e manifesti funebri alle fermate dei bus a Roma.

unnamed (75)


E' l'ultima azione di protesta del movimento politico "Tempo di Lottare" (TdL) contro i servizi di trasporto pubblico scadenti e gli infiniti ritardi delle varie linee nella città di Roma, gestiti dall'Atac.

L'idea è un po' più macabra del cartello che fece ridere (forse troppo) tutto il web, ma la protesta è del tutto comprensibile. Soprattutto se pensiamo agli scioperi che ogni giorno ci aspettano al varco. Proprio come quello di oggi.

unnamed (76)

Nella notte prima del grande sciopero odierno alcuni militanti del movimento hanno affisso delle sagome cartonate a forma di bara e manifesti funebri con su scritto "Dopo 75 minuti di attesa è morto il VIAGGIATORE ATAC", in varie fermate e capolinea delle linee autobus della compagnia Atac per denunciare i tempi di attesa decisamente esagerati ed i vari disagi causati a coloro che si affidano ai trasporti pubblico.

unnamed (77)

In una nota il portavoce di TdL Matteo Angelucci, spiega la rivendicazione dell'atto:

"I cittadini romani sanno bene quali disagi e ritardi devono sopportare ogni giorno a causa dell'Atac, mentre nell’azienda municipalizzata a ridosso delle elezioni europee fioccano le promozioni ai soliti noti. Adesso con questa azione simbolica diciamo 'basta'!

La recente beatificazione dei due papi, ed il conseguente aumento di pellegrini e turisti a Roma ha dimostrato una volta di più che i disservizi Atac hanno ormai raggiunti un livello cronico e inaccettabile. Una figuraccia di fronte a tutto il mondo, mentre Marino finge di non vedere".

unnamed (73)

Nel comunicato inviato alle redazioni si legge anche:

La situazione dei ritardi sui tempi di percorrenza e i mezzi scadenti e trascurati si protrae da troppo tempo ed il recente taglio delle corse del 20% va ben oltre l’indecenza, quindi i ragazzi di Tempo di Lottare hanno deciso di denunciare apertamente il problema, del quale nella dirigenza della compagnia Atac sembra non importare a nessuno: ma importa a tutti quei romani che, costretti a pagare biglietti salatissimi, subiscono una situazione ormai fuori controllo.

unnamed (74)

  • shares
  • Mail