Animali a Roma: dalla Pet Therapy a Rocco Siffredi

Animalisti-Siffredi Gli amici sono una risorsa rara quanto inestimabile, soprattutto quando sono veri e leali, meglio ancora se animali, di tutte le razze, pronti a dispensare attenzione e conforto, anche quando non abbiamo fatto proprio nulla per meritarli.

Usare linguaggi diversi, invece di essere un limite sembra rendere la comunicazione sorprendentemente facile, basica, e se un cucciolo metterebbe di buonumore anche un orco, diversi studi cominciano ad utilizzare la pet therapy a scopo terapeutico, preventivo ed educativo.

Oltre a ridurre lo stress e rilevare i tumori alla prostata e alla vescica, se la Reale società di medicina del Regno Unito utilizza gli 'alert dog' (cani guardiani) per controllare le persone narcolettiche, i numerosi vantaggi registrati nel miglioramento della comunicazione e delle relazioni familiari dei bambini autistici, ha spinto ricercatori di tutto il mondo ad utilizzare con profitto la pet therapy, dall'università di Lincoln all’IDI (Istituto dermopatico dell'Immacolata) di Roma.

Così dopo aver sperimentato per un anno un percorso di Terapia Assistita dagli Animali con bambini di età compresa tra gli 8 e i 14 anni affetti da autismo, nella Baia dei Pinnipedi di Zoomarine, popolata da foche e leoni marini, l’idi rinnova il progetto con delfini e lemuri estendendola al Bioparco di Roma.

Intanto con l’estate alle porte, pensando alla bestiale percentuale di abbandoni di animali che si impenna lungo le strade durante il periodo delle vacanze, dal 1 giugno l’Associazione Animalisti Italiani Onlus ha lanciato la Campagna Nazionale contro il randagismo e l’abbandono di animali, che prevede la sterilizzazione di cani e gatti di proprietà, a carico dell’Associzione “Animalisti Italiani Onlus” per i nuclei famigliari a basso reddito.

La campagna può contare sull'adesione e collaborazione degli Ordini Provinciali dei Medici Veterinari e dei medici veterinari liberi professionisti (Per prenotazioni 0872.41.301 – Fax 0872.71.54.04– 338.39.41.298 – ufficiostampa@animalisti.it), e sul sostegno di un testimonial come Rocco Siffredi, portavoce di uno slogan all’altezza della fama che lo perseguita, sia nella versione ufficiale: "Ho sedotto e abbandonato. Ma non il mio cane", sia in quella di un "anonimo estremista" che sta spopolando on line. E se il suo intervento salverà tanti cani dall'abbandono quanto ha incrementato la vendita di patatine ..

  • shares
  • Mail