Termini: controlli e denunce per non residenti che molestano i passeggeri

Controlli anti-degrado e denunce alla stazione Termini, per non residenti che molestano i passeggeri e violano i termini del 'foglio di via'.

Dalla truffa della scala mobile che si blocca a quella consolidata che conta anche i baby truffatori, imponendo il proprio aiuto per l'acquisto dei biglietti alle macchinette delle stazioni ed estorcendo il resto, nella giungla urbana attraversata quotidianamente da milioni di romani, turisti e pendolari, ogni tanto riescono a mettere a segno qualche colpo anche le forze preposte alla salvaguardia dell'ordine pubblico.

Alle 18 denunce a piede libero commutate durante i servizi di controllo antidegrado dei giorni scorsi, ieri i Carabinieri del Nucleo Scalo Termini ne hanno aggiunte altre 23 per inosservanza del "foglio di via obbligatorio" e molestie a persone.

Inosservanza del foglio di via obbligatorio emesso nei confronti di tutti gli individui che vivono di proventi illeciti o mettono a repentaglio la sicurezza pubblica”, al di fuori dal territorio di residenza o dimora abituale.

Per un gruppo di cinque cittadini romeni domiciliati ad Aprilia (in provincia di Latina) tra i 18 ed i 42 anni, che estorcevano denaro davanti alla macchinette erogatrice dei biglietti, è scattata ivece la denuncia a piede libero con l'intimazione di non rientrare nella Capitale per un periodo non superiore a tre anni.

Italian Carabinieri stand during the Sun

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail