Omofobia e svastiche alla chiesa Valdese in piena Rome Rainbow week

Svastiche e scritte omofobe 'sporcano' la facciata della chiesa Valdese di piazza Cavour, sotto la bandiera arcobaleno che sventola sulla Rome Rainbow week.

Forse qualcuno si era illuso che il buon gusto di certi vigliacchi si concedesse una pausa durante la Settimana Rainbow, e i colori dell'arcobaleno che sventolano un po' ovunque bastassero a far sembrare Roma più evoluta e tollerante di quel che in realtà è.

La stessa città eterna che vanta millenni di contaminazioni e 'conquiste' (purtroppo non tutte pacifiche) etniche e culturali, e tra orde di pellegrini di tutte le religioni e cattolici che si battono il petto in chiesa, non lesina 'individui' senza alcun rispetto per il prossimo e la percezione 'edificante' che forniscono di se stessi, pronti a tappezzare con croci celtiche, svastiche e scritte omofobe, i muri e l'immagine che restituiamo al mondo.

Simboli offensivi e termini dispregiativi che discriminano 'chi ama il prossimo suo come se stesso', come quelli comporsi nella notte sulla facciata della Chiesa Valdese di ?piazza Cavour, il tempio dell’Unione delle Chiese Valdesi e Metodiste, notoriamente accogliente e inclusivo, che ha appena festeggiato i suoi primi 100 anni.

Un gesto vile accompagnato dalla vernice nera gettata all'entrata del Tempio, proprio sotto la bandiera arcobaleno, appesa per sostenere e promuovere i diritti della comunità Lgbt (Lesbiche, gay, bisessuali e transgender) durante la "Rome Rainbow week" e la Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, festeggiata in tutto il mondo il 17 maggio 2014.

(function(d, s, id) { var js, fjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) return; js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = "//connect.facebook.net/it_IT/all.js#xfbml=1"; fjs.parentNode.insertBefore(js, fjs); }(document, 'script', 'facebook-jssdk'));

Il gesto intimidatorio che non ha indignato solo la REFO - Rete Evangelica Fede e Omosessualità (che evidentemente non sono così incompatibili), pronta a convocare un incontro di solidarietà con la comunità LGBT e quella Valdese, dinanzi al sagrato del Tempio, per questa sera alle 21, accompagnando l'invito a citazioni bibliche come la I lettera di Giovanni

“Nell’amore non c’è paura” (4:18)

Il sindaco Marino ha provveduto tramite i PICS a cancellare le scritte omofobe, e noi manifestiamo la medesima solidarietà e condanna a questa cultura dell’odio, espressa dal Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, sollecitando la richiesta di intervento delle autorità

“Chiediamo alle Istituzioni una risposta ferma e decisa e alle forze dell’ordine di individuare e fermare i colpevoli di un gesto che non è affatto simbolico, né dimostrativo perché è ancora una volta espressione violenta di una cultura dell’odio che vogliamo definitivamente consegnare alla storia”.

Chiesa Valdese Roma

Foto | Facebook
Via | Queerblog

  • shares
  • Mail