Colosseo: aperto a 'mezzo servizio' per la Notte dei Musei del 17 maggio 2014

Il Colosseo non resta chiuso per La notte dei musei di sabato 17 maggio 2014, apre per un numero di visitatori limitato.

Dopo tanto sdegno e polemica per la chiusura del primo monumento di Roma durante La Notte dei Musei di sabato 17 maggio a Roma, a causa della mancanza di personale disposto a fare gli straordinari, i sindacati Cgil, Cisl e Uil comunicano di aver raggiunto un accordo per strappare un'apertura a 'mezzo servizio'.

Un accordo ottenuto "grazie allo sforzo dei lavoratori, con la soprintendente Barbera", che aprirà il patrimonio dell'umanità custodito dall'Anfiteatro Flavio per "un numero di visitatori limitato", ovvero un massimo di tremila persone con prenotazione obbligatoria, 50 per turno e lungo un percorso definito.

La soluzione vi sembra soddisfacente o ...

Aggiornamento 15 maggio 2014

Colosseo: chiuso per la Notte dei Musei del 17 maggio 2014?

Il mondo intero (rappresentato dai turisti) aspetta le aperture 'fuori orario', gratuite e ad alto tasso di cultura assicurate da ogni edizione europea de La Notte dei Musei, ma quella di sabato 17 maggio a Roma vanta già il Colosseo tra i grandi assenti.

L'edizione 2014 che torna ad aprire i portoni di musei statali e comunali aperti, dalle ore 20 alle 24, insieme a quelli di tanti privati che hanno aderito restando aperti al costo simbolico di un euro, ma non il Colosseo, magnifico a tutte le ore del giorno, ancora di più sotto un cielo di stelle, sorvolato dal drone nel video e protagonista della gallery fotografica (click sulla foto).

La luna sul Colosseo

Come già successo tante, troppe volte, l'ultima il primo maggio, l'Anfiteatro Flavio rischia di restare chiuso per la cronica mancanza di guardiani, come annunciato dallo «stupito e rammaricato» ministro per i Beni e le attività culturali Dario Franceschini

«Ad oggi il Colosseo sarà chiuso perché non si sono trovati i cinque custodi volontari previsti dall’accordo sindacale».

Per le aperture serali straordinarie al pubblico, occorre infatti l'adesione volontaria di almeno un terzo del personale, che a quanto pare manca, e che sempre in base agli accordi sindacali, il ministero non ha il potere di inviare da altre sedi museali, dove a quanto pare almeno 38 guardiani della Soprintendenza erano pronti a trasferirsi per tenerlo aperto la Notte dei musei.

Un accordo sindacale che risale agli anni '90, che secondo Rinaldo Satolli, rappresentante dei custodi dell’Anfiteatro Flavio

«l’accordo ha un senso, perché il personale conosce le vie di fuga e le cassette di sicurezza, insieme ad altri posti strategici»



Il risultato è che il monumento simbolo della città eterna, quotato, amato e invidiato in tutto il mondo, mancherà un evento di tale portata, ironia della sorte, proprio a causa di quella cultura che paga ancora stipendi.

Al momento per scongiurare questo esito abbiamo solo la proposta di un'apertura a numero chiuso, avanzata dalla Funzione Pubblica di Roma e Lazio.

"La mancata apertura del Colosseo sarà una sconfitta per tutti, per evitare questo, la FP CGIL di Roma e Lazio propone per sabato 17 maggio l'apertura con un numero limitato, scaglionato a tempo, e precedentemente prenotato, utilizzando il personale già previsto in turno per il progetto 'la Luna al Colosseo' (annullato per la notte dei Musei dalla Soprintendenza) con il biglietto al costo previsto di un euro".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail