La birra gourmet da scoprire all'hotel Quirinale

Quanti errori che facciamo a proposito di birra. Bevanda che amiamo ma sottovalutiamo troppo spesso. Siamo stati alla degustazione di un menu speciale, tutto a base di birra. Ed ecco cosa abbiamo scoperto.

Spumeggiante, leggera, aromatica, rinfrescante, meno alcolica del vino ma non per questo con meno spessore e carattere: la birra artigianale è ormai universalmente promossa a bevanda gourmet, protagonista di abbinamenti studiati e di menu degustazione e piatti creativi.

Ieri abbiamo avuto l'onore di partecipare ad una cena a tutta birra, nell'elegante cornice del ristorante Rossini, all'hotel Quirinale, accanto al riposante giardino interno, angolo di pace nel cuore pulsante di Roma a via Nazionale.

IMG_9551

Protagonista della serata è stata la birra Theresianer, una birra dal nome austriaco ma invece italianissima. Nata a Trieste dietro richiesta di Maria Teresa d'Austria, da cui, appunto, proviene il nome.

IMG_9557

Una birra artigianale italiana, prodotta dalla Theresianer - Antica Birreria di Trieste, che fa parte del gruppo Hausbrandt. Con la sua tradizione lunga oltre duecento anni, oggi Theresianer è un'azienda modello, con sede nel comune di Nervesa della Battaglia ai piedi delle Dolomiti, dove può contare sulla qualità massima dell'elemento base per la produzione: l'acqua migliore, cristallina, proveniente dai non lontani ghiacciai attraverso profonde falde.

Lo stabilimento è equipaggiato con la più moderna tecnologia, ed è stato progettato dai massimi esperti birrai del mondo per garantire alla nobile bevanda, una tipicità ed unicità che non ha eguali. Si avvale anche della competenza di un Mastro Birraio laureato ad Amburgo.

L’Hotel Quirinale di Roma ha inserito le birre artigianali #Theresianer nella carta del Ristorante Rossini e fra le proposte del bar. Al loro debutto è stato dedicato un menu speciale ideato con l’uso delle stesse birre dallo Chef Diego Colladon.

IMG_9586

Dall’8 al 18 maggio sarà in carta, disponibile su prenotazione, tale menu speciale per degustare le birre Theresianer abbinandole a piatti ideati con l’uso di 4 diverse etichette, dal risotto al dolce, dal fritto alla carne: idee raffinate accompagnate da altrettante tipologie di birra.

IMG_9562

Il menu degustazione abbinato alle birre Theresianer è davvero delizioso. Si parte con le piccole sfiziosità in tempura alla birra con salsa agrodolce piccante che sono state servite nella veranda del ristorante, insieme ad un bicchiere di gelida Premium Pils Theresianer.

Una classica bionda chiara, brillante, dal profumo equilibrato e deciso, e dal gusto particolarmente secco che si unisce nel finale alla freschezza dei sentori di malto e luppolo, tipica nota della tradizione Pilsner.

IMG_9550

Quindi un saporitissimo risotto alla birra con baccalà affumicato, mantecato ed abbinato alla India Pale Ale Theresianer, una birra doppio malto ambrata scura, dal gusto deciso e profumo speziato. L'intensità del luppolo si intreccia con sentori di fiori ed agrumi: ha un'amarezza decisa, che si allontana dal palato per far percepire il corpo equilibrato di questa birra.

IMG_9560

E' stato poi il turno del piatto più applaudito. Un maialino da latte cotto interamente nella birra Bock Theresianer. Sublime. La biira è a bassa fermentazione, dal colore ambrato carico, densa, dal profumo inteso pervaso da chiare note di malto, schiuma compatta, fine e persistente. Moderatamente frizzante, delicatamente amara, dall’aroma morbido e tostato.

IMG_9564

Infine ecco il mitico Birramisù, un morbido tiramisù con savoiardi immersi nella birra Stot Caffé Theresianer, una doppio malto dal color ebano e schiuma color nocciola, che nasce dall’incontro fra il migliore caffè Hausbrandt e l’esperienza dei mastri birrai Theresianer. Una stout intensa, avvolgente, di facile bevibilità, inebriante, nel suo profumo di caffè che si ritrova anche al gusto, morbido ed equilibrato. Lascia una piacevolissima sensazione di torrefatto e un finale amaro secco e pulito.

IMG_9583

Fra gli spunti più affascinanti di questa bellissima serata, ci sono da annoverare tutti gli errori più comuni che facciamo con la nostra cara amica birra. Bevanda che riscuote sempre più successo, ma che in pochi dimostrano di conoscere (il sottoscritto per primo) davvero.

IMG_9573

A cominciare da come la versiamo, o per meglio dire "spilliamo" (manualmente). Quasi tutti facciamo l'errore di non voler provocare tanta schiuma, che invece deve crearsi, per poi aspettare per una seconda aggiunta. La birra insomma, va bevuta col "cappello", mai direttamente dalla bottiglia (!), e nel giusto bicchiere. Perché non è solo una faccenda di sapore, ma anche di salute dello stomaco...

Fermentazioni differenti, aggiunta di luppolo, gradazioni, sapori e profumi di frumento ed orzo, di miele e lievito, tutte cose che dimentichiamo per dissetare la nostra voglia di "prima sorsata" che tanto ha reso celebre Philippe Delerm. Per fortuna esistono occasioni come questa, che fanno scoprire "il verso vero della birra". Chi conosceva, per esempio, l'Editto della Purezza, del 1516?

unnamed (55)

Il costo per l'epifania della birra con un tale menu da esperti enogastronomici non è poi proibitivo: 35,00 euro per persona. Disponibile su prenotazione. L’Hotel Quirinale è praticamente adiacente al Teatro dell’Opera di Roma, nato nello stesso periodo dell’albergo, ed il nome del Ristorante Rossini è naturalmente un omaggio al compositore.

La hall monumentale ricorda il periodo romantico in cui l’albergo fu costruito alla fine dell’Ottocento, con pareti decorate, specchi, colonne. Le camere si ispirano tutte allo stile Impero, ampie, con pavimenti in parquet.

DSC_9697


Il Rossini all’Hotel Quirinale si affaccia, come detto, sul tranquillo e riservato giardino interno dal fascino legato ad un tempo antico, caratterizzato da un imponente cedro del Libano e da una bella fontana dove si può mangiare nei mesi estivi e quando il tempo lo consente. Chi ha letto Tenera è la notte si Scott Fitzgerald riconoscerà subito l'atmosfera.

Ad aggiungere un tocco di esclusività in più è il passaggio privato con accesso riservato diretto al Teatro dell’Opera, che ha reso l’Hotel Quirinale il luogo prediletto da grandi della musica del passato e del presente.

by @RondoneR - Foto e Video | © by Rondone®

  • shares
  • Mail