Roma vista dai giornali stranieri. L’inascoltata violenza sulle donne

donneNonostante le pessimistiche previsioni sul fatto che Roma avrebbe ospitato meno pellegrini del previsto, in occasione del 1 maggio, i tour operator internazionali confermano che “tutte le strade portano a Roma, altro che Londra”, ovvero man mano che si avvicina la data, la beatificazione concorre con successo con il Royal Wedding, con “i prezzi degli hotel che crescono vertiginosamente e le agenzie di viaggio di tutta Europa sempre più disperate” alla ricerca di accomodamenti dell’ultimo minuto.

Ma dopo maggio si guarda già al prossimo evento: l’Europride, che si terrà a Roma dal primo al 12 giugno 2011, e per cui già alcuni hotel della gay street stanno offrendo tariffe vantaggiose ai turisti interessati a partecipare.

Donne a rischio violenza a Roma: pochissime riescono ad essere aiutate dai centri al femminile che esistono nella Capitale: lo sostengono a Wanted in Rome le responsabili di Differenza Donna, che offre consulenza e aiuto a 2500 donne l’anno (“e il numero di chi ha bisogno è molto più alto”.

"La violenza contro le donne è stata oggetto dei titoli giornalistici a Roma molte volte, dall'inizio dell'anno: i media hanno parlato di un gran numero di stupri e attacchi alle donne nelle strade della città (uno ha coinvolto una turista americana)" scrive la testata.

Intervistate anche le responsabili della Casa internazionale delle donne (“trattiamo i casi più seri, gli altre a volte devono aspettare mesi per essere visionati”). D’altronde, nota l'articolista, “l’abuso domestico in Italia non viene trattato dai media in 9 casi su 10”.

Infine, il New York Times, fra i tanti, elargisce parole di apprezzamento per le Domus romane, che “offrono la rara opportunità di vedere gli elementi dell’antica vita romana all’interno delle mura domestiche”.

Foto | Flickr

  • shares
  • Mail